• <b>Balthasar Anton Dunker</b><br>Bozza per il frontespizio della serie di acqueforti di Christian von Mechel ispirate alla danza macabra di Holbein; sanguigna realizzata nel 1772 da  Dunker (Kunstmuseum Basel, Kupferstichkabinett, fotografia Martin Bühler).

No 1

Dunker, Balthasar Anton

nascita 15.1.1746 Saal (Pomerania), morte 2.4.1807 Berna, prot., di Rolle (1777). Figlio di Albrecht Andreas, pastore luterano, e di Dorothea von Olthof. ∞ Johanna Franzisca Fahrni. Grazie al suo primo maestro, il paesaggista Jacob Philipp Hackert, poté studiare all'Acc. di belle arti di Parigi, sotto la guida di Joseph Marie Vien e poi di Noël Hallé. Frequentò l'incisore Johann Georg Wille e conobbe gli Svizzeri Sigmund Freudenberger, Adrian Zingg e Johann Weber. Dopo il fallimento di suo zio, il barone von Olthof, dovette rinunciare alla carriera acc. Si dedicò alla paesaggistica e alla tecnica dell'acquaforte, che divennero le sue specialità e la sua fonte di sostentamento. Eseguì delle raccolte di disegni di figura e collaborò alla pubblicazione di una raccolta di stampe ispirate alla collezione del duca de Choiseul (1771). Assunto da Christian von Mechel come incisore per l'esecuzione di riproduzioni, si recò a Basilea (1772). Poco soddisfatto della sua situazione, nel 1773 si trasferì a Berna, dove l'accolsero Johann Ludwig Aberli e Sigmund Freundenberger. Come loro, si guadagnò da vivere realizzando vedute turistiche e ritratti, ma soprattutto illustrando opere scientifiche e letterarie (Werther, 1775; Merkwürdige Prospekte aus den Schweizer-Gebürgen, 1776; Heptaméron, 1781, in collaborazione con Sigmund Freundenberger). Le sue condizioni finanziarie peggiorarono verso la fine del decennio 1770-80 a causa della crisi economica e dei numerosi figli a carico. Brillante nella satira, cominciò allora a eseguire caricature incentrate sui temi politici e sulle mode del tempo, sulla fisiognomonia di Lavater e sugli ideali repubblicani. Morì in povertà.

<b>Balthasar Anton Dunker</b><br>Bozza per il frontespizio della serie di acqueforti di Christian von Mechel ispirate alla danza macabra di Holbein; sanguigna realizzata nel 1772 da  Dunker (Kunstmuseum Basel, Kupferstichkabinett, fotografia Martin Bühler).<BR/>
Bozza per il frontespizio della serie di acqueforti di Christian von Mechel ispirate alla danza macabra di Holbein; sanguigna realizzata nel 1772 da Dunker (Kunstmuseum Basel, Kupferstichkabinett, fotografia Martin Bühler).
(...)


Bibliografia
– N. Raoul, Balthasar-Antoine Dunker, 1924
B. A. Dunker 1746-1807, cat. mostra Berna, 1990
DBAS, 283 sg.

Autrice/Autore: Philippe Kaenel / gbp