No 1

Disteli, Martin

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 28.5.1802 Olten, morte 18.3.1844 Soletta, di Seewen. Figlio di Urs Martin, ricco fabbricante di seterie (fallito nel 1829), sostenitore dei patrioti, viceprefetto del distr. di Olten-Gösgen, e di Anna Maria Kümmerli, figlia di un sarto. ∞ Theresa Gisiger, figlia di contadini. Frequentò le scuole superiori a Soletta (1817) e a Lucerna (1819-21), dove partecipò all'attività dell'ass. studentesca Zofingia, fortemente liberale. Dal 1821 studiò lettere a Friburgo in Brisgovia e a Jena, dove acquisì fama di caricaturista e frequentò gli ambienti studenteschi liberali. Nel 1823 rientrò precipitosamente in Svizzera perché accusato di aver calunniato in pubblico Johann Wolfgang von Goethe, allora consigliere privato. Dopo aver tentato invano di farsi nominare cancelliere a Olten, D. si orientò verso le belle arti, seguendo una formazione a Monaco presso Peter von Cornelius (1825-26). Al suo rientro, il governo conservatore di Soletta si rifiutò di nominarlo insegnante di disegno. Nel 1829 pubblicò una prima raccolta di dieci acqueforti: Umrisse zu A. E. Fröhlichs Fabeln, opera che sul piano stilistico presenta affinità con Cornelius e con Moritz Retzsch, e su quello iconografico evidenzia l'influsso del franc. Jean Grandville. L'avvento del regime liberale a Soletta nel 1831 favorì le sue ambizioni sociali (municipale a Olten nel 1831), militari (colonnello nel 1834) e artistiche (insegnante di disegno nel 1836). Dal 1830 al 1839, D. collaborò con l'almanacco Alpenrosen, il più popolare della Svizzera, e con diversi periodici di tendenza democratica, disegnando caricature dell'aristocrazia e del clero e scene patriottiche della storia sviz. antica e contemporanea. Dal 1839 al 1844 pubblicò lo Schweizerischer Bilderkalender, chiamato anche Distelikalender, che raggiunse una tiratura di 30'000 copie. Attraverso questa pubblicazione, D. proseguì fino alla morte la sua lotta contro i conservatori.


Bibliografia
– G. Wälchli, M. Disteli, 1802-1844, 1943
– AA. VV., M. Disteli, 1977 (19813)
DBAS, 270 sg.

Autrice/Autore: Philippe Kaenel / gbp