No 3

Chiesa, Pietro

nascita 29.7.1876 Sagno, morte 17.3.1959 Sorengo, catt., di Sagno. Figlio di Innocente, pittore decoratore, e di Maddalena Bagutti, discendente da una fam. di pittori. Fratello di Francesco ( -> 2). Pronipote di Giovanni Battista Bagutti. ∞ (1911) Germaine Petitpierre. Dal 1891 al 1895 studiò pittura all'Acc. di Brera a Milano, dove fu allievo di Giuseppe Mentessi, e frequentò l'atelier di Adolfo Feragutti Visconti. A Milano aderì alla Soc. Umanitaria presso la quale fu insegnante dal 1905. Negli ultimi anni del decennio 1890-1900 raccolse consensi in Italia; nel 1900 conseguì una medaglia all'Esposizione universale di Parigi con il dipinto Quiete. Fra il 1901 e il 1930 partecipò regolarmente alla Biennale di Venezia. Dopo l'esordio improntato alla critica sociale, C. realizzò opere in cui si avverte l'influenza del neoimpressionismo, del pointillisme e del liberty. Negli anni 1920-30 la sua pittura si distinse per una considerevole maestria formale e per una delicata gamma cromatica, mentre nel periodo maturo prevalsero toni più accesi. C. realizzò soprattutto dipinti murali a soggetto religioso-allegorico, ritratti e scene di genere. Fu membro della commissione fed. delle belle arti (1916-19, 1924-27).


Bibliografia
DBAS, 213 sg.
– S. Rebora, «P. Chiesa, interprete ufficiale dell'umanità e della storia del Cantone Ticino», in Il confronto con la modernità, 1914-1953, cat. mostra Lugano, 2003, 241-256

Autrice/Autore: Tapan Bhattacharya / mdi