17/07/2006 | segnalazione | PDF | stampare | 

Flaach

Com. ZH, distr. Andelfingen; (1044: Flacha, menz. in una copia del documento originale del 1347). Località semirurale situata al margine della pianura alluvionale a sud della foce della Thur, comprendente Oberdorf (dal 1619), il castello di Schollenberg (dal 1775) e la fabbrica di laterizi di Berg am Irchel (dal 1788). Pop: 90 adulti nel 1467, 577 ab. nel 1640, 797 nel 1727, 1002 nel 1836, 1087 nel 1850, 1103 nel 1860, 852 nel 1900, 716 nel 1941, 758 nel 1950, 871 nel 1980, 1164 nel 2000. Il villaggio, oggi compatto, si è sviluppato a partire da tre insediamenti. Niederflaach era concentrato attorno alla chiesa parrocchiale di S. Nicola, menz. verso la metà del XII sec. ed esistente fino al 1544. Un insediamento probabilmente più antico (come suggerisce il toponimo altomedievale Hächingen, in uso fino al XVIII sec.) si era formato intorno alla più importante chiesa parrocchiale di S. Giorgio a Oberflaach, attestata nel 1275. Un terzo nucleo abitato, comprendente Oberdorf e la curtis di Wiler, è attestato da tracce di avvicendamento delle colture e dalla proprietà di beni comuni. In origine Oberdorf era probabilmente una frazione di Berg am Irchel, dalla cui parrocchia dipese fino al 1619. Nel 1544 le parrocchie di Oberflaach e Niederflaach furono unite; nel 1614 fu costruita una nuova chiesa su un'altra parcella di Oberflaach. Poco dopo la Riforma i diritti di collazione passarono a Zurigo.

Alla fine del XIII sec. l'alta giustizia di F. apparteneva agli Asburgo: i diritti sui territori a ovest del villaggio costituivano un'eredità dei von Kyburg, mentre quelli ubicati a est facevano parte del langraviato di Turgovia. L'alta giustizia passò alla città di Zurigo nel 1452, risp. nel 1460. I diritti di bassa giustizia su F. e Volken furono ceduti già nel 1298 da re Alberto I al convento di Rheinau, che a sua volta li infeudò a nobili locali (il castello di F. fu edificato nel 1612 dal signore giustiziere Tobias Peyer), finché nel 1694 anch'essi furono acquistati da Zurigo.

F. si trovava all'incrocio tra l'asse nord-sud Winterthur-Neftenbach-Sciaffusa, spostato verso est nel XIX sec., e la strada secondaria Hettlingen-Rafzerfeld. Dal XIV sec. il diritto di transito sulla Thur spettò al convento di Rheinau. La dogana di Zurigo e il traghetto sul Reno verso Rüdlingen sono attestati dal XVII sec. Grazie alla sua ubicazione, F. divenne un modesto centro di importanza regionale, talora designato anche come borgo. Gli ab. di Volken fecero capo alla parrocchia di F. dal 1610. La casa com., documentata dal XVI sec., comprendeva una sala per le udienze e deteneva il diritto di taverna, che era però limitato rispetto a quello della locanda Zum Engel. F. disponeva di un mulino superiore e uno inferiore (menz. risp. nel XIV e XV sec.), nonché dei diritti di ospitare un macello e due fucine sul territorio com. (nel XVIII sec.). I numerosi frontoni a gradini che caratterizzano gli edifici principali testimoniano indirettamente l'importanza di F. quale centro regionale.

Nel 1493 il com. acquistò il bosco di Mühlberg e nel 1510 la maggior parte dei suoi beni comuni. Nel 1556 F. annoverava sei contadini proprietari detentori di un tiro completo e di oltre 15 iugeri di terra, 19 contadini titolari di aziende di media grandezza con appezzamenti fra i 5 e i 12 iugeri, 14 piccoli contadini con poderi compresi fra 1 e 4 iugeri e 26 Tauner (senza Oberdorf). Nel 1780 le aree agricole erano costituite per il 61% da campi, per il 16% da prati, per il 18% da vigne e per il 5% da frutteti. Nel 1787 il 7% della pop. attiva trovò un impiego stagionale nella filatura di cotone (industria a domicilio). Il ponte sul Reno fu costruito nel 1873 e la passerella sulla Thur nel 1891. Istituito nel 1873, il servizio postale attraverso la valle di F. fu motorizzato nel 1921; dal 1962 una linea di autopostali assicura il collegamento tra F., Berg am Irchel e Winterthur. La correzione della Thur (1855-61), il consolidamento degli argini del Reno (1890) e i lavori di bonifica (1943-46) consentirono di praticare un'agricoltura intensiva, che in tempi recenti si è specializzata nella produzione di tabacco e asparagi. Il calo demografico registrato dalla metà del XIX sec. è stato compensato solo nell'ultimo trentennio del XX sec. con l'arrivo di nuovi residenti, attivi negli agglomerati di Zurigo e Winterthur.


Bibliografia
– P. Kläui, Die Gerichtsherrschaft Flaach-Volken, 1932
– E. Imhof, P. Kläui, Atlas zur Geschichte des Kantons Zürich, 1951, 46 sg., tav. 21 sg.

Autrice/Autore: Martin Illi / mdi