09/03/2011 | segnalazione | PDF | stampare

Bioggio

Nell’edizione a stampa questo articolo Ŕ corredato da immagini. ╚ possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. TI, distr. Lugano, nella bassa valle del Vedeggio. Oltre al vecchio nucleo (1335: Biegio) comprende la frazione di Gaggio e dal 1925, in seguito allo smembramento del com. di Biogno, quella dei Mulini, sulla sinistra del fiume Vedeggio. Pop: ca. 250 ab. nel 1599, 323 nel 1801, 442 nel 1850, 568 nel 1900, 644 nel 1950, 1504 nel 2000.

Il ritrovamento di importanti vestigia romane - fra le quali una villa rurale del III sec. d.C., scoperta nel 1962, e una struttura artigianale dotata di impianto termale, probabilmente coeva, venuta alla luce nel 1992 - conferisce importanza alla localitÓ nel contesto del Ticino romano. Vanno segnalate anche le recenti scoperte fatte durante i restauri dell'oratorio di S. Ilario, dove si Ŕ potuta verificare la presenza di un edificio di culto in legno risalente all'VIII sec. Nel ME la proprietÓ nobiliare era molto estesa, come attesta tuttora la presenza di antiche residenze di campagna della nobiltÓ luganese e comasca: i conti Riva e Rusca e gli Avogadro di Como. Cospicua anche la proprietÓ ecclesiastica: nel XIII sec. il monastero di S. Maria di Torello (Carona) vi possedeva numerose masserie passate poi nel XVII sec. al convento di S. Antonio di Lugano. Questi beni furono incamerati dal cant. nel 1852 e venduti all'asta. Nel 1261 Ŕ menz. una chiesa di S. Maurizio; gli scavi realizzati nel 1997-98 permettono di ipotizzare un'origine del V-VI sec. La nuova parrocchiale fu ricostruita in stile neoclassico (1773-91) e del vecchio tempio si conserv˛ il solo campanile. Il giÓ cit. oratorio di S. Ilario, posto sul colle omonimo, presenta attualmente l'aspetto conferitogli dall'ampliamento portato a termine nel 1680. B., che si trovava lungo l'antico asse di transito della strada Regina, Ŕ oggi toccato dall'autostrada, accoglie sul suo territorio una porzione dell'aeroporto di Lugano-Agno ed Ŕ sede della stazione merci delle ferrovie; inoltre, dal 1912, vi transita la ferrovia Lugano-Ponte Tresa. A partire dagli anni '60 nel territorio pianeggiante verso il fiume si Ŕ sviluppata un'importante zona industriale, inserita nella fascia di sviluppo suburbano che da Ponte Tresa si prolunga verso Rivera.


Bibliografia
Almanacco malcantonese e bassa valle del Vedeggio, 1970, 34-47

Autrice/Autore: Bernardino Croci Maspoli