10/09/2003 | segnalazione | PDF | stampare | 

Cavigliano

Com. TI, distr. Locarno; (1213: Caveliano, 1591: Caviano, Pedemonte di sopra, Terra di cima). Villaggio situato prima dell'imbocco della valle Onsernone, lungo la ferrovia che dalle Centovalli porta in Italia. Con Tegna e Verscio, C. forma la regione delle Terre di Pedemonte, riunita in un unico patriziato. Pop: 300 ab. nel 1591, 258 nel 1850, 225 nel 1900, 312 nel 1950, 646 nel 2000. Tra il 1884 e il 1989 sono stati ritrovati diversi reperti delle etÓ del Bronzo e del Ferro e di epoca romana (necropoli e moneta del I-III sec. d.C.). Nel ME C. faceva parte della comunitÓ di Locarno e Ascona; i Capitanei locarnesi vi riscuotevano le decime. Con Tegna, Verscio e Auressio costituiva il com. di Pedemonte che, dopo il distacco di Tegna (1464), prese il nome di Com. maggiore di Pedemonte. Dal XVI sec. C. seguý le sorti del baliaggio di Locarno. Il com. politico fu istituito nel 1803, la parrocchia nel 1850, dopo la separazione da Verscio. La chiesa di S. Michele risale al XVI sec. Nel 1923 venne ultimata la costruzione della stazione della linea ferroviaria Locarno-Domodossola. A partire dagli anni 1960-70, il villaggio agricolo di C. Ŕ progressivamente divenuto zona residenziale dell'agglomerato urbano di Locarno. Il centro di vacanza e di formazione del Soccorso operaio sviz. (Casa solidarietÓ) Ŕ attivo dal 1946.


Bibliografia
– AA. VV., Centovalli e Terre di Pedemonte, 1988

Autrice/Autore: Rodolfo Huber