04/08/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Frisching [von]

Fam. di Consiglieri della città di Berna, probabilmente originaria del basso Simmental. Con Hans (1445-1530) la fam. fu rappresentata dal 1476 nel Gran Consiglio e dal 1506 nel Piccolo Consiglio. Fino al XIX sec. membri della fam. rivestirono alte cariche politiche, militari e amministrative (soprattutto come balivi): Hans (1486-1559), figlio dell'omonimo già menz., fu accusato di servizio mercenario illecito ma si distinse sul piano militare durante i disordini dell'Oberland (1528). Membro del Piccolo Consiglio e alfiere, Johann ( -> 3) fu ucciso durante la spedizione in Valtellina dove ispezionava le truppe. Samuel il Vecchio ( -> 6), figlio di Johann, fu il primo F. a rivestire la carica di scoltetto di Berna. Suo figlio Samuel il Giovane ( -> 7) ottenne dei riconoscimenti come vincitore durante la seconda guerra di Villmergen (1712) e come scoltetto. Acquistò nel 1709 la signoria di Rümligen con il suo castello, lasciandola in eredità ai suoi discendenti fino a Johann Rudolf ( -> 4), ultimo esponente del ramo.

A partire da Johann (1597-1638), fratello di Samuel il Vecchio, anche la linea più antica annoverò ufficiali al servizio straniero, politici e proprietari di signorie, come Gabriel ( -> 1) che acquistò nel 1718 la signoria e il castello di Wil (com. Schlosswil). Il castello rimase nelle mani della fam. fino al 1798, quando Gabriel Friedrich ( -> 2) lo vendette. Tra i discendenti di Vinzenz (1654-1728), fratello di Gabriel, vi furono Karl Albrecht ( -> 5) e suo fratello Albrecht (1735-1813), proprietario della signoria di Bremgarten dal 1765 al 1776. Nel 1783 la fam. ottenne la particella nobiliare.

Alla fine del XX sec. alcuni giuristi, banchieri e ufficiali professionisti che portavano il cognome F. discendevano da due esponenti che in passato furono attivi all'estero: Gabriel Rudolf Karl (1831-1898), banchiere e console sviz. a Francoforte, e Simon Moritz Lucien (1873-1932), banchiere a Parigi.


Archivi
– AFam presso BBB
Bibliografia
Schweiz. Geschlechterbuch, 1, 137-141; 6, 214-216

Autrice/Autore: Barbara Braun-Bucher / dba