Preonzo

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ex comune TI, distretto Bellinzona, dal 2017 con Camorino, Claro, Giubiasco, Gnosca, Gorduno, Gudo, Moleno, Monte Carasso, Pianezzo, Sant'Antonio e Sementina parte del comune di Bellinzona; (1335: Prevonzo). Situato sulla sponda destra del fiume Ticino a metÓ strada tra Bellinzona e Biasca. Pop: 402 ab. nel 1850, 315 nel 1900, 347 nel 1950, 484 nel 2000. Nel XIV sec. formava una vicinanza con il com. di Moleno e nel 1335 figurava tra i com. del contado di Bellinzona. Durante il primo periodo di dominazione sviz. (1403-22) P. ottenne da Uri e Obvaldo la codificazione dei suoi statuti e ordini, pur non essendo integrato, a differenza di Moleno, nella Leventina. La chiesa parrocchiale dei SS. Simone e Giuda, consacrata nel 1459, si separ˛ da quella di S. Vittore di Moleno nel 1545 (modifiche nel XVII sec. e restauri nel 1963-66 e 1996-97). Con Gnosca e Moleno P. Ŕ una delle tre localitÓ del Bellinzonese di rito ambrosiano. Villaggio basato prevalentemente sull'economia alpestre e sull'agricoltura, nel 2005 il settore primario e secondario offrivano, risp., il 13% e il 56% dei posti di lavoro a P. Oltre i tre quarti degli ab. sono pendolari in uscita verso Biasca e Bellinzona.


Fonti
MDT, serie 2
Bibliografia
– Gilardoni, Inventario, 259-267
– M. Frasa et al. (a cura di), Preonzo, 1989

Autrice/Autore: Giuseppe Chiesi