Pianezzo

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ex comune TI, distretto Bellinzona, dal 2017 con Camorino, Claro, Giubiasco, Gnosca, Gorduno, Gudo, Moleno, Monte Carasso, Preonzo, Sant'Antonio e Sementina parte del comune di Bellinzona; (1382: Planezio). Situato all'imbocco della valle Morobbia, comprende la frazione di Paudo, in posizione pi¨ elevata rispetto al villaggio. Pop: 202 ab. nel 1671, 197 nel 1769, 328 nel 1850, 342 nel 1900, 278 nel 1950, 489 nel 2000. Nel 1905 Ŕ stata rinvenuta un'importante necropoli dell'etÓ del Ferro, ricollegabile alla cultura di Golasecca e a contatti con pop. alpine. A est dell'abitato si trovano alcune rovine medievali, appartenenti probabilmente a un'opera fortificata o a un posto di dogana di origine romana o preromana. Nel XV sec. il capitolo bellinzonese di S. Pietro possedeva nella zona vigne e fondi con edifici di varia natura. La squadra o frazione di P. fece parte dell'antico com. medievale e dal 1803 del com. politico di Vallemorobbia; nel 1831 divenne com. autonomo con la divisione dell'ex com. nei tre com. di P., Sant'Antonio e Vallemorobbia in Piano. Sul piano ecclesiastico dipese dalla chiesa matrice di Bellinzona fino al 1600, poi dalla chiesa dei SS. Giacomo e Filippo, eretta nel XVI sec. sui resti murari di quella precedente (restauri negli anni 1960-70 e 2002-2003) e divenuta parrocchia autonoma nel 1680. L'architettura rustica, caratteristica della valle Morobbia, Ŕ ancora visibile in alcune case a torre presenti nel nucleo del villaggio. L'economia tradizionale era basata sull'agricoltura e l'allevamento; ancora oggi vi si pratica la viticoltura come attivitÓ accessoria. La localitÓ Ŕ sede di numerose residenze secondarie. All'inizio del XXI sec. oltre i tre quarti della pop. attiva erano pendolari in uscita verso Bellinzona e Giubiasco.


Bibliografia
– A. Crivelli, Atlante preistorico e storico della Svizzera it., 1943 (rist. anast. e aggiornamento, 1990)
– Gilardoni, Inventario, 256-258
– V. Gilardoni, Il Romanico, 1967, 476 sg.

Autrice/Autore: Graziano Tarilli