Cadenazzo

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Comune TI, distretto Bellinzona, comprendente dal 2005 Robasacco. Il suo nucleo si trova lungo la strada ai piedi del Monte Ceneri; (1335: Catenacii). Pop: 191 ab. nel 1698, 200 nel 1784, 216 nel 1850, 333 nel 1900, 621 nel 1950, 1500 nel 1990, 1755 nel 2000. L'esistenza in etÓ medievale di un castello a C. Ŕ dubbia; nel 1335 Ŕ menz. un hospitallis de Cadenazio. Nel 1438 il capitolo di S. Pietro di Bellinzona cedette una parte dei suoi beni agli ab. di C. Non esistono pi¨ attualmente tracce della cappella di S. Pietro Martire, attestata nel 1363 e forse eretta giÓ nel XIII sec. Nel 1442 C. si separ˛ dalla matrice bellinzonese e si uný alla parrocchia di S. Antonino, da cui si stacc˛ nel 1830. L'agricoltura, un tempo attivitÓ predominante ma di scarsa resa, Ŕ ancora oggi praticata (spec. cerealicoltura e orticoltura) sul piano di Magadino, bonificato dopo i lavori di correzione del fiume Ticino; dal 1973 Ŕ presente nel com. la sottostazione fed. di ricerche agronomiche. C. ha un saldo pendolare attivo grazie a qualche industria, magazzini e depositi situati in prossimitÓ della stazione ferroviaria.


Bibliografia
– V. Gilardoni, Il Romanico, 1967, 252
– B. Caccia, Cadenazzo, 1980

Autrice/Autore: Graziano Tarilli