No 1

Tallone, Enea

nascita 7.2.1876 Milano,morte 3.5.1937 Lamone, catt., di Bergamo. Figlio di Cesare, pittore e professore all'Acc. di Brera. ∞ Teresa Giovannetti, figlia di Tommaso, medico. Dopo il diploma in architettura al Politecnico fed. di Zurigo (1899) e un breve soggiorno a Bergamo, prese parte al restauro del castello di Montebello a Bellinzona (1902-03); si trasferì poi a Parigi, dove lavorò con Charles Louis Girault. Nel 1913 aprì uno studio di architettura a Lugano e fu assunto quale insegnante alla scuola per capomastri (1914-37), che diresse dal 1917. Tra le sue opere spiccano a Bellinzona la villa Bonetti (1913), in "stile lombardo", il palazzo com. (1924-25) e il Grottino ticinese (1929). Con Silvio Soldati, cui fu associato per qualche tempo, realizzò il palazzo Funicolare a Locarno (1925) e la basilica del Sacro Cuore a Lugano (1922-27).


Archivi
– Disegni presso il Museo cant. d'arte, Lugano
Bibliografia
– «A cinquant'anni dalla morte: E. Tallone e le sue scelte», in Rivista di Bellinzona, 19, 1987, 45-51
Architektenlex., 527
– S. Martinoli, L'architettura del Ticino nel primo novecento, 2008

Autrice/Autore: Simona Martinoli