• <b>Richard La Nicca</b><br>L'ingegnere grigionese in posa con il suo teodolite davanti a un paesaggio fluviale; fotografia di studio realizzata attorno al 1850 (Staatsarchiv Bern). Questo ritratto, archiviato a Berna, evoca la lunga collaborazione di Richard La Nicca con le autorità bernesi nel quadro della correzione delle acque del Giura.

No 1

La Nicca, Richard

nascita 16.8.1794 Safien-Neukirch, morte 27.8.1883 Coira, rif., di Sarn e Coira. Figlio di Christian, pastore rif. di Safien, Neukirch e Tenna, e di Anna Gredig. ∞ 1) Ursula Fischer, figlia di Cyprian, colonnello e spedizioniere, di Coira; 2) Cäcilia Hössli, figlia di Johann Jacob, podestà a Teglio (1781), di Nufenen. Dopo la scuola cant. a Coira (1809), fu tenente nel reggimento sviz. al servizio di Vittorio Emanuele I in Piemonte e studiò scienze tecniche all'Univ. di Tubinga (1816-18). Assistente (1818-21) di Giulio Pocobelli nella costruzione della strada commerciale del San Bernardino, partecipò tra l'altro alla realizzazione del notevole ponte Vittorio Emanuele sul versante meridionale del passo. Dopo un anno di studio all'Univ. di Monaco (1822-23), divenne il primo ingegnere cant. grigionese (1823-53). Come tale diresse la costruzione di importanti valichi (Julier, Maloja, Bernina) e la ricostruzione di insediamenti distrutti da frane (Neu-Felsberg, dal 1843) o da incendi (Thusis Neudorf, dal 1845). Nel 1826 allestì la progettazione della correzione del Reno in Domigliasca, i cui lavori iniziarono nel 1832. Direttore delle fortificazioni del Sankt Luzisteig dal 1831, fu responsabile del loro ampliamento. Nel 1837 fu cofondatore della Soc. sviz. degli architetti e degli ingegneri. Autore di un primo progetto per una linea ferroviaria sul passo dello Spluga (1839), dopo il 1845 si concentrò sul Lucomagno, meno elevato. Fu ingegnere della commissione per la bonifica della Linth (1840-63) e progettò la prima correzione delle acque del Giura (1840-42), realizzata tra il 1868 e il 1891. Prese parte alla guerra del Sonderbund (1847) in veste di comandante in capo delle truppe del genio in Ticino e poi di colonnello del genio fed. Nel 1853 fu nominato direttore della Ferrovia del Sud-Est Rorschach-Coira. Non ebbe per contro successo il piano di fusione promosso da L. negli anni 1858-71 per la realizzazione di una linea ferroviaria da Flüelen a Disentis, risp. da Coira a Disentis attraverso il Lucomagno, che avrebbe dovuto costituire un'alternativa al Gottardo.

<b>Richard La Nicca</b><br>L'ingegnere grigionese in posa con il suo teodolite davanti a un paesaggio fluviale; fotografia di studio realizzata attorno al 1850 (Staatsarchiv Bern).<BR/>Questo ritratto, archiviato a Berna, evoca la lunga collaborazione di Richard La Nicca con le autorità bernesi nel quadro della correzione delle acque del Giura.<BR/>
L'ingegnere grigionese in posa con il suo teodolite davanti a un paesaggio fluviale; fotografia di studio realizzata attorno al 1850 (Staatsarchiv Bern).
(...)


Bibliografia
R. La Nicca, 2006
– D. Speich, «R. La Nicca (1794-1883)», in Schweizer Pioniere der Wirtschaft und Technik, 82, 2006, 59-66

Autrice/Autore: Jürg Conzett (Coira) / ato