Buchegg, von

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Fam. di conti di Soletta che annoverò tra i suoi esponenti avogadri del capitolo di Sankt Ursen e langravi di Borgogna. Il casato prende il nome dal castello di B. presso Kyburg-B. Nonostante le scarse fonti altomedievali, la genealogia è pressoché accertata per cinque generazioni, a partire dalla metà del XII sec. Le origini della fam. sono poco chiare, ma sicuramente legate ai duchi von Zähringen. I possedimenti sul Bucheggberg non costituivano una signoria unitaria; per contro, gli antichi beni allodiali attestati nel 1185 a Cressier inducono a supporre che la fam. fosse originaria della Svizzera occidentale e si sia poi trasferita nell'alta Argovia, dove costruì il proprio potere su beni ricevuti dai von Zähringen (in origine proprietà imperiali sparse). Dopo il 1276, i B. succedettero agli scudieri di Balmegg, rilevandone la signoria. La presunta attività dei B. come luogotenenti dei von Zähringen nella prima metà del XII sec. è oggetto di discussione; la loro funzione di landgravi è attestata solo a partire dalla metà del XIII sec. I B. strinsero legami matrimoniali con i baroni von Sumiswald, von Jegistorf e von Strassberg, con i conti de Neuchâtel e nel XIV sec. con i Senn von Münsingen, fam. nobile di cavalieri, e loro futuri eredi. Il primo esponente noto della fam. è Hugo I, menz. tra il 1130 e il 1185. I fratelli Arnold e Kuno, probabilmente suoi figli, sono attestati quali vassalli dei von Zähringen. L'antica tesi secondo cui i B. discenderebbero dal medesimo capostipite dei baroni von Falkenstein e von Bechburg non trova conferma in nessun documento. Dopo l'estinzione dei von Zähringen, i B. tentarono di legarsi ai conti von Kyburg. Attorno al 1253 Peter (menz. dal 1218, morte prima del 1276), langravio, probabilmente figlio di Arnold, per alcuni anni ricoprì, in quanto vassallo dei von Kyburg, la carica di scoltetto a Berna. Già prima del 1218, Soletta e i servi ecclesiastici del capitolo di Sankt Ursen cominciarono a limitare il potere avogadrile dei B. Heinrich, figlio di Peter, fu scoltetto di Soletta nel 1316, in sostituzione di suo figlio Hugo ( -> 2), capitano di ventura e diplomatico attivo al servizio dell'Austria e quindi sovente all'estero. Le motivazioni che portarono al passaggio della carica di langravio ai von Kyburg nel 1313 non sono chiare; il mutamento potrebbe però essere avvenuto su pressione degli Asburgo. In seguito a difficoltà finanziarie, Hugo ( -> 2) ipotecò a Berna il dazio che aveva ottenuto in pegno nel 1310 dall'imperatore. Valendosi dei suoi rapporti con la corte pontificia di Avignone, si prodigò per ottenere prebende per i suoi fratelli Berthold ( -> 1) e Matthias ( -> 3) e per favorire la loro carriera ecclesiastica. Nel 1344/45 accordò alla città di Soletta il diritto di libera scelta dello scoltetto. Hugo morì nel 1347 senza lasciare eredi.


Bibliografia
GHS, 1, 68-72; 3, 405 (con tav. genealogica)
– H. Sigrist, «Die Grafen von Buchegg», in Jurablätter, 35, 1973, 57-73
– P. Lätt, Bucheggberg, 1994

Autrice/Autore: Franziska Hälg-Steffen / mdi