Tägerwilen

Com. TG, distr. Kreuzlingen; (ca. 990: Tegirwilare). Il villaggio situato lungo le rive del bacino inferiore del lago di Costanza (Untersee) confina con Costanza sul lato del Tägermoos ed è sovrastato dal castello di Ober-Kastell e dalle rovine dell'Unter-Kastell. Pop: 482 ab. nel 1634, 611 nel 1695, 1192 nel 1850, 1188 nel 1900, 1516 nel 1950, 2224 nel 1980, 3273 nel 2000. Sono state rinvenute tracce di un insediamento neolitico del 4000 a.C. Gli Alemanni si stabilirono lungo i corsi d'acqua che attraversano la località, vicino alla strada romana tra Costanza e Winterthur. Nell'alto ME T. fece capo alla parrocchia vescovile di Costanza (Bischofshöri) e dal 1300 ca. principalmente alla signoria di Kastell. La fortezza di Girsberg fece parte di T. fino al 1816. Durante la guerra di Svevia (1499), e più precisamente dopo la battaglia di Schwaderloh, il villaggio fu incendiato e la fortezza di Kastell distrutta. In seguito la signoria di Kastell formò, con la giurisdizione di Siegershausen, il baliaggio di Gottlieben. Le proprietà libere di Kastell, Girsberg, Hochstrass, Hertler, Okenfiner e Pflanzberg amministravano autonomamente la bassa giustizia (dal 1766 ancora solo i castelli di Kastell e Girsberg). La parrocchia di T. si separò dal dominio vescovile già verso il 900, sebbene ciò sia attestato nelle fonti solo dal XII sec. La chiesa dei SS. Cosma e Damiano fu ricostruita nel 1455; il beghinaggio risale al XIV e XV sec. Dopo l'adesione alla Riforma (1528) i diritti di patronato rimasero nelle mani del vescovo di Costanza. Gli statuti com. del 1447 menzionano una giurisdizione autonoma. Accanto all'agricoltura e all'allevamento si praticavano anche la viticoltura e la frutticoltura; il bosco patriziale costituiva altresì un'importante risorsa. A T. esistevano nove mulini, un lazzaretto e, dal 1610 ca., una scuola. La fam. von Scherer, residente nel castello di Kastell, fondò una scuola professionale femminile (1801) e la prima scuola cant. dell'infanzia (1837); finanziò inoltre la costruzione e la gestione di un ospizio per poveri (1822). Dopo l'apertura delle linee ferroviarie Etzwilen-Winterthur (1875) e Costanza-Wil (1911), il villaggio si estese verso le due stazioni. Verso la fine del XIX sec. nel com. si insediarono numerose piccole imprese, tra cui una fabbrica di automobili. Nel 2005 il settore secondario offriva il 25% dei posti di lavoro nel com., il primario il 10%.


Bibliografia
– P. Giger et al., Tägerwilen, 1999

Autrice/Autore: Peter Giger / mdi