No 1

Mola, Giovanni Battista

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 9.7.1586 Coldrerio, morte 23.1.1665 Roma, catt., di Coldrerio. Figlio di Giovan Pietro e di Aurelia della Porta. ∞ (1607) Elisabetta Cortesella, di Como. Architetto, stuccatore, pittore e scrittore, fu attivo a Roma giÓ dal 1601, pur tornando frequentemente a Coldrerio almeno fino al 1615, da quando Ŕ cit. come sottomaestro alle strade. La sua prima opera nota Ŕ la cappella della SS. Icone nel duomo di Spoleto (1623-26); collabor˛ alla costruzione del Forte Urbano di Castelfranco Emilia (1629-34). Eseguý interventi architettonici e di stucco in diverse chiese romane e collabor˛, anche come ingegnere, con il fratello Giacomo. Si sono conservati solo i suoi interventi minori, caratterizzati da un manierismo ancora classicista, e molti disegni. La sua guida artistica di Roma (1663) Ŕ un'importante fonte per la coeva e precedente cultura artistica; notevole per la precisione delle informazioni, dimostra per˛ il gusto attardato dell'autore.


Bibliografia
Pier Francesco Mola, cat. mostra Lugano e Roma, 1989, 28-39
Il giovane Borromini, cat. mostra Lugano, 1999, 305-313

Autrice/Autore: Anastasia Gilardi