16/06/2008 | segnalazione | PDF | stampare | 

Gondiswil

Com. BE, distr. Aarwangen; (verso la metà del IX sec.: Cundolteswilare). Confinante con il cant. Lucerna, comprende il villaggio e diverse frazioni, fra cui Freibach, Brüggenweid, Haltstelle, Staldershaus e Schwendi. Pop: 694 ab. nel 1764, 1422 nel 1850, 1008 nel 1900, 958 nel 1950, 734 nel 2000. Reperti neolitici furono rinvenuti presso Staldershaus. Quali primi proprietari terrieri sono attestati signori della regione, che fecero numerose donazioni a monasteri, fra cui quelle di Perchtger al monastero di San Gallo (841-72) e della nobile famiglia dei von Langenstein al monastero di Sankt Urban (1194). Fra i beneficiari vi furono anche il convento benedettino Sankt Johannsen di Erlach (1236) e la commenda gerosolimitana di Thunstetten (1263). Nel tardo ME G. fu una delle sedi di tribunale (Dingstätte) della giurisdizione di Murgeten (Murgenthal) e appartenne alla signoria di Grünenberg; fu poi venduto a Berna (1432 e 1480). Sotto il dominio bernese G. e Melchnau costituirono una bassa giurisdizione unica del baliaggio di Aarwangen. Parte della parrocchia lucernese di Grossdietwil fino alla Riforma, passò poi alla parrocchia rif. di Melchnau (1528). Nel 1737 G., che aspirava a diventare parrocchia, si dotò di un cimitero. Dal 1856 e di nuovo dal 1870, funzioni religiose e catechismo per bambini furono tenuti nel villaggio e in un nuovo luogo di culto situato nella casa com. (dal 1918). G. ottenne un vicario nel 1945 e un pastore nel 1960. La cappella mariana, fondata nella frazione di Freibach dai signori von Büttikon e incorporata dal monastero di Sankt Urban nel 1300, fu, nei sec. XIV e XV, meta di pellegrinaggio nonché centro di una confraternita sovraregionale di fabbri (1424); fu demolita nel 1528. Nel XVIII e XIX sec. l'agricoltura fu integrata dalla tessitura del lino e dalla fabbricazione di zoccoli. Durante le due guerre mondiali si estrasse inoltre carbone scistoso. Nel 1889 fu creata la stazione della ferrovia Langenthal-Huttwil-Wolhusen. G. ha mantenuto il carattere agricolo e artigiano con la lavorazione del legno, una azienda di macchine per segherie e pendolari in uscita, attivi specialmente nella regione di Langenthal e a Huttwil, cui G. fa capo per i servizi ospedalieri e la scuola secondaria.


Bibliografia
– K. H. Flatt, Die Errichtung der bernischen Landeshoheit über den Oberaargau, 1969
– M. Jufer et al., Der Amtsbezirk Aarwangen und seine Gemeinden, 1991
– M. Schindler, Bauinventar der Gemeinde Gondiswil, 2000

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / rtu