Heldswil

Ex Ortsgemeinde TG, dal 1999 com. Hohentannen, distr. Bischofszell; (759: Heidolviswilare). Il villaggio, situato lontano dalle vie di transito su un'altura tra le valli dell'Aach e della Thur, comprende le frazioni di Hüttenswil e di Bernhausen. Dal 1816 al 1999 fu una Ortsgemeinde della Munizipalgemeinde di Hohentannen. Pop: 290 ab. nel 1850, 250 nel 1900, 264 nel 1950, 220 nel 1980, 235 nel 1990. H., con la parte principale di Buchackern e una parte di Götighofen, formava prima del 1798 la bassa giurisdizione di H. nella signoria di Bürglen, mentre la bassa giurisdizione di Hüttenswil apparteneva in parte all'abate di San Gallo (Berggericht) e in parte alla signoria di Bürglen. Sul piano ecclesiastico H. condivise le sorti della parrocchia di Sulgen. La cappella di S. Caterina, consacrata a H. nel 1489, dipendeva dal capitolo di Bischofszell, detentore dei diritti di collazione. Nel 1566 il capitolo riprese la prebenda. Fino al XIX sec. prevalevano la viticoltura, l'agricoltura e l'estrazione della torba, in seguito l'allevamento, l'economia lattiera e la frutticoltura. Verso il 1900 il ricamo costituiva una fonte di guadagno accessorio. Tra il 1940 e il 1947 fu effettuato il drenaggio della zona paludosa del Riet. Nonostante il recente insediamento di alcune aziende artigianali, H. è rimasto un villaggio a carattere rurale.


Bibliografia
– E. Menolfi, Bürglen, 1996, 30 sg., 52

Autrice/Autore: Verena Rothenbühler / rza