Engishofen

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ex Ortsgemeinde TG, com. Erlen, distr. Bischofszell; (tra il 770 e il 774: Ongiseshoua ?). E. costituì una Ortsgemeinde della ex Munizipalgemeinde di Erlen (1816-1994). Villaggio lungo la strada, lontano dall'asse Sulgen-Amriswil, testimonia un'interessante architettura nel quadro di un insediamento con edifici risalenti al XVIII e XIX sec. Pop: 255 ab. nel 1850, 186 nel 1900, 220 nel 1950, 209 nel 1990. Il baliaggio di E. è documentato nel 1346 quale feudo dell'abate di San Gallo; dal XV sec. fino al 1798 fu sotto la signoria del vescovo di Costanza. Nel 1492 E. era soggetto alla giurisdizione di Eppishausen; in seguito passò sotto la bassa giustizia di Oberaach, che dal 1646 al 1798, in quanto feudo vescovile di Costanza, era nelle mani della fam. von Salis-Soglio, ma veniva amministrato dalla fam. Häberli, che risiedeva a Oberaach. A maggioranza rif., E. sul piano religioso dipese sempre dalla parrocchia di Sommeri. Nel XIX sec. vi si praticava la campicoltura e la frutticoltura, così come il commercio di tele in lino e la tessitura del cotone. Verso il 1900 si insediò una fabbrica di ricami, nel 1906 un caseificio. Nonostante la recente attività edilizia, il villaggio ha saputo preservare il suo carattere rurale: nel 1990 il settore primario assicurava il 61% degli impieghi.


Bibliografia
– E. Leisi, Geschichte von Amriswil und Umgebung, 1957
1200 Jahre Engishofen 774-1974, 1974

Autrice/Autore: Verena Rothenbühler / ato