07/07/2004 | segnalazione | PDF | stampare | 

Dozwil

Com. TG, distr. Arbon. Il villaggio compatto sorge sul Seerücken orientale, al bivio di Amriswil per Kesswil e Uttwil; (1385: Dotzwile). Pop: 113 ab. nel 1649, 299 nel 1850, 343 nel 1900, 344 nel 1950, 492 nel 2000. Nel ME D. era un feudo del vescovo di Costanza. Nel 1454 l'abate di San Gallo conferì il potere giurisdizionale a Hans von An(d)wil. Nel 1560 i Blarer von Wartensee ottennero la bassa giustizia (ordini com.), di cui l'abate si impossessò nel 1671. D. faceva capo alla parrocchia di Kesswil, che nel 1529 aderì alla Riforma. I pochi catt. si appoggiarono così a Sommeri. La tessitura a mano (1820-70) portò a D. il benessere e nel villaggio, sempre più fiorente, fu trasferita anche la scuola secondaria di Uttwil (1854). Dopo un periodo di stasi alla fine del XIX sec., nel XX sec. l'economia si sviluppò grazie all'agricoltura (frutta), all'artigianato e a una fabbrica di biancheria (in seguito di scarpe), oltre che alla ditta Lista Kunststofftechnik AG, fondata nel 1960 (dal 1996 EJOT Kunststofftechnik AG, con 120 dipendenti nel 1999). Nel 2000 oltre la metà delle persone attive a D. era occupata nel settore secondario. L'opera di S. Michele, un'ass. non ecclesiale creata da Paul Kuhn, ebbe molte adesioni dopo il 1970 e con i suoi edifici influenzò l'aspetto del villaggio. Dal 1816 D. costituì una Munizipalgemeinde che territorialmente coincideva con la Ortsgemeinde; per questo motivo i due com. vennero uniti (1870) nel cosiddetto com. unitario (Einheitsgemeinde). Per preservare la propria autonomia politica, da qualche tempo il com. si sforza di acquisire nuovi ab. e di potenziare le infrastrutture (complesso scolastico nel 1996).


Bibliografia
– E. Hänzi, Gedenkschrift zur Jahrhundertfeier der Sekundarschule Dozwil, 1946
Schweizerische Bodensee-Zeitung, 27.4.1978
NZZ, 21 e 22.7.1979
– B. Giger, «Gerichtsherren, Gerichtsherrschaften, Gerichtsherrenstand im Thurgau vom Ausgang des Spätmittelalters bis in die frühe Neuzeit», in ThBeitr., 130, 1993, 83 sg.

Autrice/Autore: Gregor Spuhler / did