Schneisingen

Com. AG, distr. Zurzach; (1113: Sneisanch). Villaggio situato nel Surbtal superiore, sviluppatosi a partire da diverse frazioni, è composto dagli insediamenti di Hüniken, Unterschneisingen, Mittelschneisingen e Oberschneisingen e dalla frazione di Widen. Pop: 442 ab. nel 1799, 623 nel 1850, 536 nel 1900, 778 nel 1950, 1232 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti isolati del Neolitico, e probabilmente una villa romana. Il baliaggio di S. passò al vescovo di Costanza nel 1300. Nel 1113 i nobili von Waldhusen donarono la cella di Wislikofen, con proprietà a S., al convento di Sankt Blasien, che fu fino al 1798 il principale signore fondiario, giurisdizionale e detentore dei diritti di patronato a S. Nel 1681 la bassa giustizia passò come feudo alla fam. Schnorf di Baden. Il convento fece costruire la chiesa parrocchiale di S. Nicola nel 1523. Nel 1813 il villaggio ottenne una prima scuola. Nel 1874 a S. venne realizzata la prima ricomposizione parcellare del cant. Argovia. La grande proprietà forestale (Boowald), che costituì a lungo la principale fonte di entrate, vanta la rara presenza di rose delle Alpi. Dal 1921 esiste un collegamento autopostale con Baden. Nel 2005 il settore primario offriva ancora il 21% dei posti di lavoro nel com.


Bibliografia
– B. Meier, D. Sauerländer, Das Surbtal im Spätmittelalter, 1995
– AA. VV., Schneisingen, 2003

Autrice/Autore: Bruno Meier / frl