30/08/2010 | segnalazione | PDF | stampare

Rekingen (AG)

Com. AG, distr. Zurzach; (1261: Rechunch). Villaggio agglomerato sulle rive del Reno, allo sbocco della piccola valle di B÷bikon. Pop: 259 ab. nel 1780, 348 nel 1850, 270 nel 1900, 710 nel 1950, 998 nel 2000. Nel 1956 fu portata alla luce una villa romana (con laterizi dell'XI e della XXI legione di Vindonissa); tombe alemanne si trovano a nord della stazione. R. apparteneva alla signoria giurisdizionale di Klingnau, dal 1415 al 1798 soggetta per l'alta giustizia alla contea di Baden. Il principe vescovo di Costanza era titolare della bassa giustizia, esercitata dal capitolo di Zurzach. Durante la Riforma la maggioranza della pop. aderý alla nuova fede. Nel 1678 Johann Rudolf e Johann Jakob Schmid, canonici di Zurzach e originari di Baar, fecero costruire una dimora, detta Metzgerhof, con una cappella, soppressa nel 1878. Dal 1980 il vecchio torchio viene utilizzato come cappella ecumenica. L'agricoltura e la viticoltura erano le principali fonti di sostentamento. GiÓ nel ME esistevano tre mulini e una fabbrica di laterizi. La scuola, divisa confessionalmente dal 1790, divenne mista nel 1852. Nel 1876 R. fu collegato alla linea ferroviaria Koblenz-Winterthur. Nel com. furono attive una fabbrica di calce (1864-1989), un cementificio (1975-95) e una fabbrica di articoli in metallo (1955-2001). Il sedime su cui era insediata la Schweizerische Sodafabrik, fondata nel 1914 e rilevata dalla Solvay nel 1922, si trovava per metÓ sul territorio com. di R. e di Zurzach.


Bibliografia
– C. Herzig, Dorfchronik Rekingen, 1995

Autrice/Autore: Christoph Herzig / vfe