Koblenz

Com. AG, distr. Zurzach, alla frontiera tra Svizzera e Germania. Villaggio agglomerato, situato alla confluenza tra l'Aar e il Reno; (X/XI sec.: Confluentia; 1265: Cobilz). Pop: 434 ab. nel 1803, 709 nel 1850, 554 nel 1900, 882 nel 1950, 1611 nel 2000. Detenuta nel basso ME dai baroni von Klingen, nel 1269 la signoria pass˛ alla diocesi di Costanza. A K. possedevano beni e diritti i signori von Bernau, le abbazie di San Gallo e Sankt Blasien e i gerosolimitani di Leuggern. In origine parte della parrocchia di Zurzach, K. pass˛ a quella di Klingnau nel 1529. Nel 1305 Ŕ menz. la cappella dedicata a S. Verena. Nel 1927 fu creata una parrocchia autonoma da Klingnau. L'arrivo di ab. rif. comport˛ la fondazione di una comunitÓ rif. nel 1926. Fino al tardo XIX sec. la pop. era dedita all'agricoltura, ai trasporti sul Reno, alla navigazione e alla pesca. La cooperativa di battellieri degli StŘdler, che deteneva il monopolio della navigazione lungo un tratto di risalita del Reno (il cosiddetto Kleiner Laufen), assunse una rilevanza sovraregionale. Il declino della fiera di Zurzach e l'avvento delle ferrovie compromisero la predominanza della navigazione e portarono allo scioglimento degli StŘdler (1858). La linea ferroviaria Turgi-K.-Waldshut fu inaugurata nel 1859, quella per Winterthur nel 1876 e quella per Stein (AG) nel 1892. I ponti stradali sul Reno e sull'Aar risalgono al 1932 risp. al 1936. Il com. divenne un nodo viario e il principale valico di frontiera argoviese (dogana stradale). Una diga, costruita nel 1987, permise di realizzare la circonvallazione a nord del paese e allo stesso tempo di proteggere il villaggio dalle inondazioni, che in precedenza causavano regolarmente ingenti danni. L'industrializzazione prese avvio alla fine del XIX sec. con la ditta Stoll (poi Stoll Giroflex AG), specializzata nella fabbricazione di sedie da ufficio, il maggiore datore di lavoro del villaggio all'inizio del XXI sec. Nel 2000 il settore secondario garantiva ancora pi¨ della metÓ dei posti di lavoro nel com.


Bibliografia
– H. Ammann, A. Senti, Die Bezirke Brugg, Rheinfelden, Laufenburg und Zurzach, 1948
– C. Seiler, Geschichte von Koblenz im 20. Jahrhundert, 1990

Autrice/Autore: Christoph Herzig / lca