13/02/2003 | segnalazione | PDF | stampare

Böttstein

Com. AG, distr. Zurzach, sulla riva sinistra dell'Aar, a pochi chilometri dalla sua foce; comprende i villaggi di B., Kleindöttingen (un tempo anche Ennetdöttingen), Eien e Burlen; (1087: Botistein). Pop: 168 ab. a B., 96 a Kleindöttingen e 60 a Eien nel 1799; 629 ab. nell'intero com. nel 1850, 536 nel 1888, 760 nel 1900, 1051 nel 1950, 3648 nel 2000. Reperto isolato del periodo di La Tène. Dall'XI al XIII sec. B. fu sede dei signori di B., sotto cui formava una giurisdizione autonoma; gli altri nuclei sottostavano alla bassa giustizia della commenda gerosolimitana di Leuggern. La signoria di B., annessa dopo il 1415 al baliaggio di Leuggern (nella contea di Baden), dopo una decina di passaggi finì alla fam. urana von Roll (1606), che negli anni 1615-17 sostituì la fortezza con un palazzo tardogotico-protobarocco dotato di cappella. Nel 1674 la proprietà passò in dote agli Schmid von Bellikon, che conservarono la giurisdizione fino al 1798 e il palazzo fino al 1893. La cappella, dedicata a S. Antonio, venne riccamente decorata sul modello di chiese barocche it., con ottimi stucchi eseguiti da artisti dell'Italia settentrionale.

B. e gli altri villaggi dipendevano dalla parrocchia di Leuggern. Il com. di B. si formò nel 1816 dalla divisione di Leuggern, grande com. i cui villaggi disponevano già di propri terreni comuni. Agricoltura, viticoltura e artigianato rurale (con frantoio dal XVIII sec.) dominarono fino al tardo XIX sec.; in seguito l'industria del legno installata sulla riva destra dell'Aar offrì maggiori possibilità di lavoro. Fu così che Kleindöttingen si sviluppò e divenne il nucleo più importante del com., all'interno del centro regionale Döttingen-Klingnau, la cui crescita fu particolarmente rapida tra gli anni '60 e '80. Nonostante l'industria locale (fabbrica di masonite dal 1970 al 1994, mobilifici) e le molte aziende artigiane, B. è oggi un com. di pendolari. Nel 1990 il 48% della pop. attiva operava nel secondario; i pochi contadini (2%) erano concentrati quasi unicamente nei villaggi di B. e Eien.


Bibliografia
– R. Anselmetti, Böttstein AG, 1987
– AA. VV., Das Kirchspiel Leuggern, 2001

Autrice/Autore: Andreas Steigmeier / vfe