No 2

Küng, Erhart [Erhard]

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita ca. 1420 Stadtlohn (Vestfalia), morte prima del 30.1.1507, originario della Vestfalia. ∞ 1) Enneli Wanner, figlia di Hans, scalpellino; 2) (1507) una Dorothea. Dopo un apprendistato di scalpellino e una formazione itinerante, attorno al 1455 si stabilì a Berna, dove viene menz. la prima volta nel 1456. Dal 1460 fu membro del Gran Consiglio. Nel 1479 fu nominato responsabile delle costruzioni della città e nel 1483 direttore a vita dei lavori alla collegiata. Il suo principale progetto edilizio fu l'ampliamento della terrazza esterna (o piattaforma) della chiesa verso ovest. Il Giudizio universale sul portale occidentale mediano della collegiata di Berna, realizzato tra il 1460 e il 1481/83 in collaborazione con vari assistenti, è considerato la sua opera più significativa. Altre importanti realizzazioni di sicura attribuzione sono l'Ecce homo della certosa di Thorberg (conservato al Museo storico di Berna), due altari lignei in Vallese (nella cattedrale di Sion e nella parrocchiale di Ernen) e diverse opere appartenenti al Berner Skulpturenfund venuto alla luce nel 1986, tra cui il Crocifisso di Heinrich IV von Bubenberg e l'Arcangelo Michele di Niklaus von Scharnachtal. Sulla base delle fonti e dei più recenti studi condotti sul fondo di sculture rinvenute a Berna, K. può essere considerato il più importante artista attivo a Berna nel tardo ME prima di Niklaus Manuel.


Bibliografia
– F.-J. Sladeczek, E. Küng, Bildhauer und Baumeister am Münster zu Bern um 1420-1507, 1990
DBAS, 596
– F.-J. Sladeczek, Der Berner Skulpturenfund, 1999

Autrice/Autore: Franz-Josef Sladeczek / srg