08/04/2010 | segnalazione | PDF | stampare

Murgenthal

Com. AG, distr. Zofingen; (1255: Murgatun). Situato alla confluenza della Murg nell'Aar al confine tra i cant. Argovia e Berna, dalla sua costituzione (1901) il com. comprende oltre al villaggio omonimo anche le frazioni di Walliswil, Balzenwil, Glashütten e Riken. Queste ultime tre sono zone dissodate in un territorio com. per lo più boschivo. Pop: 773 ab. nel 1764, 2171 nel 1910, 2638 nel 1950, 2741 nel 2000. I diritti signorili furono detenuti dai conti von Frohburg (fino al 1299), poi dagli Asburgo e dalla città di Berna (1415-1798). Negli anni 1640-45 il balivo di Aarburg, Jakob Wyss, fece costruire il canale della Rot, lungo 8,5 km, per irrigare i prati magri di Rothrist con le acque della Murg. Durante il dominio bernese sul piano ecclesiastico gli ab. di M. fecero capo a Wynau e Roggwil. Istituita nel 1817, la comunità parrocchiale di Riken prese il nome di M. nel 1901. La chiesa di Glashütten, realizzata in stile neoromanico nel 1852-54, fu sostituita da una nuova costruzione nel 1964. Integrato nel cant. Berna dal 1798 al 1802, il villaggio di M. fu incorporato al cant. Argovia nel 1803. Fino al 1900 fece parte del com. di Riken, che nel 1901 si unì a quello di Balzenwil, formando il com. di M. Nel XVIII sec. a M. si diffuse l'industria a domicilio, che faceva capo a Zofingen. Nel 1857 fu aperta la stazione di M. sulla linea ferroviaria Olten-Berna e nel 1863 fu realizzato il ponte in legno sull'Aar in direzione di Fulenbach. Con l'arrivo della ferrovia il com. si industrializzò; il canale della Rot fu sfruttato per l'approvvigionamento energetico delle fabbriche. Nel 1856 fu aperta la tessitura Grossmann (poi Künzli & Co). Nel 1881 Arnold Künzli fondò con altri soci il maglificio His & Cie, chiuso nel 1976. Nel com. furono attive anche una fabbrica di articoli in vimini e, dal 1894, un'azienda di prodotti in legno. Sede della stazione ferroviaria e delle industrie, il villaggio di M. divenne il centro del com. Nel 1950 si contavano 1485 posti di lavoro nel com., mentre nel 1990 la chiusura di diverse aziende ne aveva quasi dimezzato il numero. Nel 2005 il settore secondario offriva ancora il 28% degli impieghi contro il 63% nel 1920. Dal XVII sec. M. è sede di scuole; edifici scolastici furono costruiti a Glashütten (1825), Balzenwil (1826), Riken (1842) e M. (1883).


Bibliografia
– K. Siegrist, Murgenthaler Dorfchronik, 1969
Zofinger Tagblatt, 28.6.2001

Autrice/Autore: Christian Lüthi / sma