17/02/2003 | segnalazione | PDF | stampare

Buch am Irchel

Com. ZH, distr. Andelfingen; (1238 ca.: Buoch; 1244: Bebinchon). Situato sul versante nordorientale dell'Irchel, B. comprende Oberbuch, Unterbuch e le frazioni di Wiler, Bebikon, Desibach e Oberhueb. Nel 1855 la Zivilgemeinde di Gräslikon fu annessa a Berg am Irchel. Pop: 311 ab. nel 1634, 600 nel 1736, 840 nel 1850 (con Gräslikon), 516 nel 1900, 445 nel 1950, 728 nel 2000. Reperti di epoca romana sono stati rinvenuti durante il restauro della chiesa nel 1965. Secondo la cronaca di Ortlieb, monaco del convento di Zwiefalten (1135 ca.), il villaggio di B. sarebbe stato donato con 20 mansi e la parrocchiale allo stesso convento di Zwiefalten dal conte Kuno von Wülflingen; dietro pressione degli eredi, i conti von Horburg, la donazione sarebbe stata però revocata. Nell'urbario degli Asburgo, B. figura quale parte del baliaggio di Winterthur. Nel tardo ME, B. costituiva insieme a Wülflingen un unico territorio di alta e bassa giustizia. Nel 1460 i signori von Rümlang, titolari della signoria di Wülflingen-B., stipularono un patto di comborghesia con la città di Zurigo, lasciando a quest'ultima il diritto di riscuotere le imposte e il diritto di leva militare. L'annessione al baliaggio di Andelfingen risale al 1761. La parrocchiale nel 1238-39 era di proprietà dei conti von Kyburg. Nel 1444 fu incorporata nel capitolo di Heiligenberg presso Winterthur dai loro successori, gli Asburgo. Dopo la Riforma, i diritti di collazione passarono a Zurigo. A partire dal 1844, dopo vane petizioni inoltrate al Gran Consiglio zurighese, il com. costruì la rete viaria utilizzando le proprie risorse, ricorrendo in parte al volontariato. Il servizio di autopostali Winterthur-B.-Flaach risale al 1924. Nel 1930 fu costruita la torre panoramica di Irchel-Heerenbänkli (rinnovata nel 1983). Negli ultimi decenni gli interventi edilizi sono stati limitati al nuovo quartiere di case unifam. sorto nella zona compresa fra i due nuclei. Dopo la ricomposizione parcellare e le opere di miglioria fondiaria del 1951 e del 1974 (boschi), sono stati registrati molti trasferimenti e un forte calo del numero di aziende agricole. Nonostante il 57% di pendolari in uscita (1990), B. ha mantenuto un carattere prevalentemente agricolo, con il 54% degli attivi impiegato nel settore primario. Di recente, la viticoltura ha addirittura conosciuto un incremento. Circondato da un'aura di leggenda, il faggio rosso dello Stammberg è divenuto emblema del com.


Bibliografia
– AA. VV., Buch am Irchel in vergangenen Zeiten, 1989

Autrice/Autore: Martin Illi / mdi