No 1

Ninguarda, Feliciano

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 1524 ca. Morbegno, morte 5.1.1595 Como, catt., di Bormio. Figlio di Marco, capitano al servizio di Milano. Dopo una formazione presso i conventi domenicani di Morbegno e Milano, nel 1549 entrò nell'ordine domenicano a Morbegno. Partecipò alle discussioni sulla riforma conventuale a Vienna (1556) e nel 1559 fu al servizio dell'arcivescovo di Salisburgo, di cui divenne procuratore nel Concilio di Trento. Delegato per la riforma dei conventi degli ordini mendicanti in Austria e in Boemia (1572), fu vescovo di Scala, presso Amalfi (1577-83), nunzio apostolico nella Germania meridionale (1578-83), vescovo di Sant'Agata dei Goti (Benevento, 1583-88) e vescovo di Como (1588-95). In qualità di nunzio apostolico nella Germania meridionale fu attivo spec. in Baviera, nel Tirolo, a Salisburgo e nella Stiria. Nel 1579, pressoché in concomitanza con la nunziatura di Giovanni Francesco Bonomi, ottenne il conferimento dei pieni poteri sui Paesi catt. e sulla Rezia. Quale suddito delle Tre Leghe e buon conoscitore della situazione esistente nella diocesi di Coira, dal 1577 al 1580 tentò invano di convincere il vescovo Beatus a Porta a rientrare a Coira e a regolare la sua successione con la nomina dell'abate di San Gallo Joachim Opser a coadiutore con diritto di successione. In un primo tempo questa nomina segreta (1579), così come le trattative di N. con i Paesi catt. e con rappresentanti delle Tre Leghe a Lucerna e Feldkirch, rimasero infruttuose. A Porta si dimise nel 1580 su pressione di Bonomi. N. impose inoltre le dimissioni dell'abate rif. Christoph Funk dal convento di Petershausen presso Costanza e promosse l'alleanza dei Paesi catt. con il principe vescovo di Basilea. Nel 1586 la sua elezione a nunzio regolare a Lucerna fu a malapena presa in considerazione. In qualità di vescovo di Como visitò le parrocchie della Valtellina (1589, 1593) e quelle del Ticino (1591). N. rappresentò l'immagine ideale del vescovo riformatore in sintonia con lo spirito tridentino.


Bibliografia
HS, I/1, 43; I/6, 189 sg.
– G. Perotti, S. Xeres (a cura di), F. Ninguarda riformatore cattolico, 1999 (con elenco delle op. e bibl.)

Autrice/Autore: Pierre Surchat / mdi