24/02/2011 | segnalazione | PDF | stampare | 

Beinwil (Freiamt)

Com. AG, distr. Muri; (1153: Beinwilare; fino al 1950: B. bei Muri). Posto sul pendio orientale del Lindenberg, comprende il villaggio di B. e le frazioni Wiggwil, Brunnwil, Winterschwil e Wallenschwil, nonché il castello e la cappella di Horben. Pop: 871 ab. nel 1850, 701 nel 1900, 759 nel 1950, 942 nel 2000. Ritrovamento di reperti romani. Il convento di Muri risulta proprietario di beni a B. già in epoca molto antica. Nel 1239 Hartmann Visilere vendette al convento cistercense di Kappel tutti i possedimenti e diritti che deteneva a B. Il convento li cedette nel 1415 alla città di Zurigo, che dal 1527 acquisì anche i diritti di bassa giustizia; nel 1586 beni e diritti passarono alla fam. lucernese degli Holdermeyer, che li rivendette nel 1614 al convento di Muri. I Gessler, ministeriali degli Asburgo, furono balivi di Wiggwil almeno fino al 1412. La tomba di S. Burcardo, forse il primo parroco di B. (morte 1200 ca.), divenne un luogo di pellegrinaggio; ad esso si collega strettamente la storia della parrocchia. La chiesa dei SS. Pietro e Paolo, dedicata dal 1808 anche a S. Burcardo, è menz. dal 1239; l'edificio attuale risale agli anni 1619-21. Wallenschwil, che fino al 1856 dipese dalla parrocchia di Muri, possiede una propria cappella, dedicata a S. Lorenzo. Nell'economia del com. prevale da sempre l'agricoltura (campicoltura, allevamento), che nel 1990 occupava ancora il 46% della pop. attiva.


Bibliografia
– AA. VV., Beinwil/Freiamt: Zeitbilder einer Landgemeinde, 1988

Autrice/Autore: Anton Wohler / vfe