Seengen

Com. AG, distr. Lenzburg; (924: Seynga). Situato nel Seetal all'estremità settentrionale del lago di Hallwil, comprende il villaggio con i nuclei lungo il torrente e Ausserdorf, gli insediamenti di Eichberg e Brestenberg e il castello di Hallwyl. Pop: 752 ab. nel 1764, 1628 nel 1831, 1528 nel 1850, 1353 nel 1900, 1267 nel 1920, 1445 nel 1950, 1512 nel 1970, 2526 nel 2000. Accanto a ritrovamenti isolati del Neolitico, a S. sono stati rinvenuti due insediamenti lacustri dell'età del Bronzo, i resti di due villae romane e un gruppo di tombe alemanniche. Nel tardo XII sec. furono realizzate le prime costruzioni della fortezza di Hallwyl. Nel XIV e XV sec. vennero edificate due torri abitative nel villaggio. L'alta giustizia era detenuta dagli Asburgo risp. dal 1415 da Berna, la bassa giustizia dai von Hallwyl. Il tribunale di S. comprendeva anche Alliswil, Retterswil (fino a dopo il 1430), Meisterschwanden, Leimbach (AG) ed Egliswil (fino al 1677). Inoltre esisteva una giurisdizione di corte (Dinggericht) per l'insediamento a Ausserdorf e per Tennwil, integrata nella bassa giustizia all'inizio del XV sec. La comunità di villaggio (gebursami) è attestata per la prima volta nel 1312 in una disputa sui diritti di pascolo. Gli statuti com. risalgono al 1462. Nel 1575 furono costruite la sede della soc. di tiro e una locanda com., nel 1686 una scuola. Nel 1763 S. ottenne il diritto di tenere due fiere annuali. La corte (Steckhof) di Eichberg venne integrata a S. probabilmente nel 1751, il complesso del castello di Hallwyl nel 1798.

La parrocchia a cui faceva capo la chiesa di S. Maurizio (menz. la prima volta nel 1185) comprendeva, oltre a S., Meisterschwanden, Tennwil e Alliswil, nel XIV sec. anche Egliswil, Hallwil e una parte di Boniswil e da dopo la Riforma pure Fahrwangen. Nel 1817 Fahrwangen, Meisterschwanden e Tennwil costituirono un propria comunità rif. I diritti di padronato, detenuti fino al 1302 dai von Eschenbach, poi dalla commenda gerosolimitana di Küsnacht e dopo la sua soppressione dal cant. Zurigo, nel 1837 passarono al cant. Argovia. Il primo edificio religioso risaliva probabilmente ancora all'alto ME; nuove costruzioni furono realizzate nel 1490 e 1820.

La principale attività economica di S. era l'agricoltura (cerealicoltura). La viticoltura, menz. la prima volta nel 1302, era praticata su una superficie sempre più estesa dal XVII sec., che attorno al 1800 era di ca. 25 ettari. Malgrado la vicinanza al lago di Hallwil la pesca non rivestì importanza. Dalla metà del XVIII sec. la lavorazione del cotone costituì una fonte accessoria di guadagno. Nel XVII e XVIII sec., oltre all'isola anteriore e posteriore della fortezza di Hallwyl, appartenevano a fam. patrizie anche la casa signorile di Brestenberg e l'Eichberg. Le residenze signorili, l'origine zurighese dei pastori rif. e la posizione del luogo, resero attrattivo S. per i visitatori del ceto superiore già dal XVIII sec. A ciò si aggiunse l'ist. di cura fondato nel 1844 a Brestenberg, che attrasse ospiti da tutta Europa. Nel 1956 fu aperto dalla Chiesa cant. rif. argoviese il centro congressuale Rügel. L'agricoltura rivestì una grande importanza ancora a lungo: nel 1920 lavoravano più persone nel settore primario che nel secondario, con un'intensificazione dell'economia lattiera; nel 1866 è attestata una cooperativa casearia. La superficie viticola si ridusse da 47 ettari nel 1857 a meno di 6 ettari nel 2010. All'inizio del XIX sec. l'industria del cotone fu sostituita con la lavorazione della paglia, dapprima per i fabbricanti di Wohlen (AG), dagli anni 1850-60 anche per le aziende di S. Nel 1851 fu inaugurato l'ist. educativo per indigenti Friedberg (oggi scuola speciale), nel 1864 la scuola distr. Dal 1866 al 1973 venne pubblicato il giornale Der Seethaler. Dagli anni 1870-80 l'economia di S. registrò una stagnazione, anche a causa della mancanza di un collegamento ferroviario (dal 1888 la navigazione sul lago di Hallwil non rappresentava una valida alternativa). L'industria della paglia scomparve nuovamente, l'ultima impresa venne trasformata nel 1933 in una fabbrica di utensili, che nel 2010 contava ca. 70 dipendenti. Alla metà degli anni 1970-80 prese avvio un'intensa attività edilizia abitativa, che nel 2010 aveva quasi portato a un raddoppio della pop.


Bibliografia
– B. Frei, Seengen, 1993

Autrice/Autore: Felix Müller (Brugg) / mib