Silvestrelli, affare

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

All'origine di questo affare vi fu la richiesta, inoltrata il 5.2.1902 alle autorità sviz. da Giulio Silvestrelli, ministro it. a Berna, di perseguire penalmente Luigi Bertoni, editore della rivista Le Réveil socialiste-anarchiste, per aver pubblicato un articolo che glorificava l'assassinio di Umberto I, re d'Italia. Il Consiglio fed. invocò la libertà di stampa e l'art. 42 del Codice penale fed. del 1853, secondo il quale l'avvio di un procedimento giudiziario era possibile solo su richiesta formale da parte del governo it. A seguito del rifiuto, da parte dell'Italia, di riconoscere tale normativa e di richiamare in patria Silvestrelli, il 4 aprile Berna decise di interrompere le relazioni ufficiali con l'Italia. Queste ultime vennero ristabilite il 19 luglio grazie all'intervento di Alfred von Bülow, ministro ted. a Berna. Questo affare contribuì all'adozione (1906), da parte delle Camere fed., di una legge più restrittiva concernente la sorveglianza degli anarchici (lex Silvestrelli).


Fonti
DDS, 4
Bibliografia
– H. Bütler, «Der Silvestrelli-Handel 1901/1902», in Ulrico Hoepli, 1847-1935, 1997, 225-240
– T. Gatani, L'affare Silvestrelli, 2002
– M. Mittler, Der Weg zum Ersten Weltkrieg, 2003, 294-300

Autrice/Autore: Verdiana Grossi / luc