Scherz

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Com. AG, distr. Brugg; (1273: Schernz). Villaggio a pianta stellare al margine del Birrfeld, con due quartieri nuovi. Pop: 181 ab. nel 1764, 354 nel 1837, 346 nel 1850, 295 nel 1900, 293 nel 1950, 575 nel 2000. Sono stati rinvenuti resti di un insediamento neolitico. Gli Asburgo nel 1273 cedettero la curtis di S. al convento di Wettingen; la bassa giustizia passò al convento di Königsfelden nel 1397. Sul piano ecclesiastico S. fece capo a Windisch, e in seguito alla Riforma, dal 1530 ca. a Birr. Nel XIV sec. ospitò un romitaggio. Nel XVII e XVIII sec. S. prese parte a conflitti sullo sfruttamento di beni. Una scuola sorse prima del 1783. Nel XIX sec. l'agricoltura fu integrata dalla viticoltura; dal XVII al XIX sec. si estrasse limonite in grani. Nel XIX sec. emigrarono complessivamente ca. 100 persone negli Stati Uniti (32 nel solo 1851). Durante la seconda guerra mondiale venne promossa una ricomposizione parcellare su una superficie di 75 ettari. Dal 1965 gli insediamenti industriali nel Birrfeld determinarono la nascita di nuovi quartieri residenziali. Nel 2005 l'agricoltura forniva ancora ca. il 33% dei posti di lavoro nel com., il settore dei servizi ca. il 52%.


Bibliografia
– M. Kleiner-Pfister, «Scherz», in Brugger Neujahrsblätter, 102, 1992, 93-104

Autrice/Autore: Felix Müller (Brugg) / sma