Antille, Piccole

 © 2000 DSS e cartografia Kohli, Berna.
© 2017 DSS

Negli anni '60 risiedevano nelle numerose isole che formano le A. oltre 200 cittadini sviz.; da allora il loro numero è rimasto costante. Nello Stato formato dalle isole di Trinidad e Tobago risiedono una cinquantina di Svizzeri; la Nestlé, che nel 1962 vi ha aperto una fabbrica per la produzione del latte, partecipa con la Conf. al finanziamento di un ist. per la formazione dei diplomatici, fondato nel 1966 in collaborazione con l'Ist. univ. di alti studi intern. di Ginevra. Dal 1961 vengono promossi i contatti tra quadri dirigenti e intellettuali sviz. e delle A. Nel 1973 è stata sottoscritta una convenzione riguardante la doppia imposizione fiscale (auspicata sin dal 1954 dalle industrie sviz.), che per Trinidad e Tobago rappresenta un aiuto indiretto allo sviluppo. Il Consiglio fed. ha prontamente riconosciuto i nuovi Stati indipendenti di Trinidad e Tobago (1962), Barbados (1966), Grenada (1974), Dominica (1978), Saint Lucia (1979), Saint Vincent e Grenadine (1979), Antigua e Barbuda (1981), Saint Christopher e Nevis (1983), stabilendo rapporti diplomatici in genere tramite l'ambasciata sviz. di Caracas. Al pari delle Bahamas e di altri Stati caraibici, anche le Piccole A. hanno importanti relazioni finanziarie con la Svizzera: nel 1993 banche e soc. fiduciarie sviz. hanno dichiarato beni per 1629 milioni e investimenti per 2556 milioni di frs. nelle Antille olandesi, mentre i beni e gli investimenti nelle Antille britanniche ammontavano risp. a 1709 e 2435 milioni di frs. I restanti rapporti economici si limitano all'esportazione di prodotti come il cacao e al turismo. Nel 1983 il Consiglio fed. non ha condannato l'invasione statunitense di Grenada, che ha lasciato indifferente anche buona parte della pop. sviz.


Archivi
– Documentazione del DFAE

Autrice/Autore: Marc Perrenoud / gbe