• <b>Movimento di liberazione della donna (MLD)</b><br>Pagina di guardia del periodico trimestrale del Movimento di liberazione della donna di Zurigo, 1981 (Museo nazionale svizzero, documentazione).

Movimento di liberazione della donna (MLD)

Sull'onda delle rivolte studentesche, alla fine del 1968 a Zurigo si formò un gruppo di donne che in occasione di una manifestazione del febbraio del 1969 si presentò la prima volta in pubblico come movimento di liberazione della donna (MLD). Vennero poi fondati gruppi in altre città della Svizzera ted., franc. (Mouvement pour la libération de la femme, MLF) e it. (Movimento femminista ticinese, MFT), legati tra loro ma senza vincoli stretti. Richiamando volutamente i movimenti di liberazione del Terzo mondo, postularono la liberazione delle donne dalle costrizioni del nucleo fam. (Ruoli sessuali). Con azioni dal forte impatto mediatico, il MLD criticò la posizione delle donne nella società e la morale sessuale dominante, rivendicando inoltre la creazione di asili nido, il libero accesso ai mezzi contraccettivi e la depenalizzazione dell'interruzione della gravidanza (Aborto). Il MLD, che influenzò in maniera determinante le fasi iniziali del nuovo Movimento femminista, fu assorbito negli anni 1980-90 dalle molteplici espressioni del Femminismo.

<b>Movimento di liberazione della donna (MLD)</b><br>Pagina di guardia del periodico trimestrale del Movimento di liberazione della donna di Zurigo, 1981 (Museo nazionale svizzero, documentazione).<BR/><BR/>
Pagina di guardia del periodico trimestrale del Movimento di liberazione della donna di Zurigo, 1981 (Museo nazionale svizzero, documentazione).
(...)


Bibliografia
– E. Joris, H. Witzig (a cura di), Frauengeschichte(n), 1986 (20014)
– J. Bucher, B. Schmucki, FBB, 1995
– Y. Voegeli, Zwischen Hausrat und Rathaus, 1997
– J. de Dardel, Révolution sexuelle et Mouvement de libération des femmes à Genève (1970-1977), 2007

Autrice/Autore: Elisabeth Joris / rza