Associazione svizzera per la difesa dei piccoli e medi contadini (VKMB)

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ass. fondata da René Hochuli nel 1980 quale raggruppamento contadino di opposizione, con lo scopo di cercare soluzioni diverse e nuove alleanze affinché le sovvenzioni statali all'agricoltura venissero limitate alle piccole e medie aziende agricole e al fine di ottenere una ripartizione più equa delle stesse attraverso misure differenziate di sostegno ai prezzi dei prodotti agricoli. Con questo intento l'Ass., insieme alla ditta Denner (che auspicava la liberalizzazione delle norme sulle importazioni), lanciò nel 1983 un'iniziativa popolare a favore dei piccoli contadini, respinta di strettissima misura nel 1989.

L'alleanza funzionale con la Denner continuò anche dopo la scomparsa di Hochuli, ma alla fine degli anni 1980-90 i successori di quest'ultimo rinunciarono a rivendicare prezzi differenziati e si impegnarono, in opposizione alla Lega svizzera dei contadini, affinché il sostegno ai prezzi venisse sostituito da pagamenti diretti. La maggioranza dei suoi affiliati (mai più di 3000) non accettò questo nuovo orientamento; ciononostante all'inizio degli anni 1990-2000 l'Ass. trovò appoggi sempre maggiori al di fuori degli ambienti legati all'agricoltura, riuscendo a influire anche sul nuovo orientamento della Politica agraria della Conf. La seconda iniziativa a favore dei piccoli contadini lanciata nel 1993 e chiaramente respinta nel 1998 chiedeva che solo le piccole e medie aziende gestite con criteri ecologici potessero beneficiare dei pagamenti diretti e che venissero aboliti gli interventi statali sul mercato.


Bibliografia
– P. Moser, Der Stand der Bauern, 1994

Autrice/Autore: Peter Moser / vfe