Gränichen

Com. AG, distr. Aarau, ultimo villaggio della valle della Wyna; (1184: Cranechon). Verso il 1820 fu unito con Gulmhof, Pfendel e Liebegg. Pop: ca. 250 ab. nel 1560, 3038 nel 1850, 2684 nel 1888, 2771 nel 1900, 3727 nel 1950, 6115 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti del Neolitico sullo Schürberg e nell'Unterfeld, un rifugio fortificato di epoca celtica sulla Burghalde, l'antica via romana Aarau-G.-Oberkulm e resti di insediamenti romani nelle zone di Zil e Murächern. Nel XII sec. G. fu sottomesso alla signoria del convento di Engelberg, nel cui nome i conti von Lenzburg vi esercitarono l'autorità. Più tardi gli Asburgo si impadronirono della giurisdizione e dei diritti di patronato. Dal 1270 i signori von Liebegg detennero in feudo l'omonima fortezza dai conti d'Asburgo-Laufenburg. Dal 1415 G. fece parte della signoria di Berna, il cui balivo risiedette nel vicino castello di Lenzburg; G. ottenne un vicebalivo e un proprio tribunale. Il centro economico del villaggio era costituito dalla casa del balivo (o casa "Chitzen"), dal mulino superiore e da un notevole edificio nel nucleo, che i Bernesi tra il 1696 e il 1699 riconvertirono in un granaio signorile. Fino all'inizio del XIV sec. G. fu una filiale della parrocchia di Suhr. La chiesa parrocchiale costruita da Abraham Dünz nel 1663 è una delle principali opere di architettura religiosa prot. nell'Argovia. Tra i primi stabilimenti artigianali insediatisi nel com. figurano mulini, fucine, un macinatoio, frantoi e presse per il tabacco. Fino a tempi recentissimi le aziende agricole erano di dimensioni inferiori alla media. L'industria del cotone e le crescenti opportunità di lavoro nella vicina città di Aarau, accanto al miglioramento dei collegamenti (diligenza postale, ufficio postale, collegamento ferroviario da Suhr a Aarau, ferrovia della valle della Wyna nel 1904), permisero un modesto benessere, senza grande concorso dell'agricoltura. L'antico insediamento di Tauner e di piccoli contadini si è trasformato in un'attrattiva area residenziale ed economica. Nel 2000 oltre la metà delle persone attive lavorava nel secondario e un terzo abbondante nel terziario; i pendolari erano oltre due terzi.


Bibliografia
– M. Byland, Alt-Gränichen, 1965
– E. Wullschleger, Die Waldungen im Gemeindebann Gränichen, 1976
– F. Kretz, Gib uns auch morgen unser tägliches Brot. Die wechselvolle Lebensgeschichte des Gränicher Kornhauses, 1995
– M. Widmer-Dean, Dorfgeschichte Gränichen, 2003

Autrice/Autore: Franz Kretz / sma