SocietÓ feudale

Oggetto di intensi dibattiti storiografici - come d'altronde i concetti di Feudalesimo e di FeudalitÓ - e nozione-chiave della storia medievale, il concetto di societÓ feudale pone tre grandi problemi di definizione. Un primo interrogativo riguarda il senso e l'uso del termine: quale valore dare all'aggettivo "feudale", un'accezione stretta e di natura giur. o una portata pi¨ ampia, sociale e mentale, nel solco delle teorie di Marc Bloch e Georges Duby? Una seconda questione riguarda l'aspetto cronologico: quali sarebbero i sec. d'oro di questa forma di societÓ? Dal IX al XV sec., in effetti, i legami feudali non hanno la medesima importanza. Infine, le implicazioni sociali: quali gruppi riflettono il carattere feudale della societÓ medievale? Un dato sembra ormai essere acquisito: non si pu˛ parlare di societÓ feudale (Vassallaggio) laddove non sono presenti l'Omaggio, il Feudo, la protezione del senior (o, in origine, della persona pi¨ anziana) e una rete vassallatica.

Nella Svizzera medievale, la terminologia feudale-vassallatica Ŕ chiaramente attestata sul lungo periodo, dai vassalli del re (vassi dominici) dell'imperatore Carlo il Grosso nell'885 ai "cavalieri infeudati" del signore di Cossonay nel 1096, dai ministeriali vassalli della Svizzera orientale del XIII sec. alla Dieta (Lehenstag) di Rodolfo IV d'Asburgo, tenutasi a Zofingen nel 1361 per definire un elenco dei feudi asburgici. Si tratt˛ tuttavia di una presenza caratterizzata da trasformazioni, in termini qualitativi e quantitativi, nei protagonisti e nelle fonti. Queste ultime delineano tre grandi periodizzazioni: l'alto ME carolingio e postcarolingio del IX e X sec.; il pieno ME signorile dell'XI e XII sec.; il basso ME principesco e urbano del XIII-XV sec.

Espressione di un potere carolingio in cerca di legittimazione e controllo politico, i primi vassalli fecero la loro comparsa nel territorio della Svizzera attuale dal IX sec., almeno secondo le fonti legislative e narrative di provenienza imperiale. In genere si trattava di detentori di benefici fondiari e di rappresentanti di un'aristocrazia o nobiltÓ imperiale ancora poco legata a un determinato luogo. Questi vassalli imperiali, poi ecclesiastici e comitali, costituirono un'aristocrazia intermedia, dotata di poteri sul piano regionale, a volte priva di cariche precise ma sempre in stretto contatto con il sovrano; ci˛ significa dunque che vi era una "societÓ feudale" attiva in seno all'aristocrazia carolingia. Re e imperatori facevano tuttavia capo a questi legami feudali-vassallatici solo combinandoli con altri mezzi di controllo politico e sociale, che andavano dall'amministrazione territoriale affidata a conti e visconti a una Chiesa imperiale in pieno sviluppo (ruolo dei vescovi): pertanto, vassalli e benefici non rappresentavano il minimo comun denominatore della societÓ e delle Úlite del IX-X sec.

Il campo d'azione del vassallaggio sembr˛ addirittura ridursi dall'XI sec.: malgrado dal 1032 l'odierno territorio sviz. fosse interamente sottoposto al Sacro Romano Impero, le fonti - pi¨ localizzate e di provenienza essenzialmente ecclesiastica - fanno riferimento a signori (domini), cavalieri (milites), Ministeriali (ministeriales), lignaggi, Castelli e Allodi piuttosto che a vassalli, benefici e feudi. ╚ vero che i legami feudali-vassallatici mantennero un certo ruolo come elemento di raccordo politico, sia sul piano locale tra il signore e la sua cerchia militare (e ci˛ malgrado l'equivalenza tra cavaliere e vassallo non fosse allora pertinente per il territorio qui analizzato), sia sul piano sovraregionale tra l'imperatore, i suoi conti, i suoi vescovi e i signori bannali (tanto Ŕ vero che nel 1188 il conte di Ginevra si rivolse al suo entourage parlando dei suoi "nobili e valvassori"). Nonostante ci˛, la societÓ dell'XI e XII sec. deve essere considerata pi¨ signorile e basata sul lignaggio che nobiliare (NobiltÓ) e feudale: feudi e vassalli vi comparivano infatti come componenti politiche e sociali di secondo piano.

Dagli ultimi decenni del XII sec., questo modello di societÓ subý per˛ importanti adattamenti, contestualmente a una politica imperiale e principesca che privilegiava un ideale nobiliare comune e rafforzava una feudalitÓ controllata e diretta dall'alto. Il diritto feudale si ampli˛ e venne codificato, rendendo in tal modo pi¨ agevole il controllo imperiale attraverso una gerarchia piramidale militare di natura feudale (Heerschild), dal re ai ministeriali, e tramite la messa per iscritto delle consuetudini regionali, ad esempio con lo Specchio sassone. La nascita e poi il rafforzamento degli Stati territoriali savoiardi o asburgici passarono anch'essi attraverso una strategia feudale, chiaramente attestata nella campagna di infeudazioni aristocratiche condotta negli anni 1240-60 da Pietro II di Savoia a nord del lago di Ginevra e nella diffusione di fonti propriamente feudali. I primi registri feudali savoiardi (dalla fine del XIII sec.) o la Dieta asburgica (Lehenstag) del 1361, il cui elenco venne completato dopo un decennio da un registro regionale, mostrano fino a che punto i costumi feudali e le istituzioni principesche, il processo di feudalizzazione e l'amministrazione potessero coesistere nel processo di costruzione di Stati territoriali, sia nella Svizzera franc. sia nella Svizzera ted.

D'altronde, fu nel corso degli ultimi sec. del ME che l'ideologia nobiliare elabor˛ dei criteri di appartenenza di tipo feudale. Dal XII sec., l'Onore cavalleresco si rivel˛, nelle fonti narrative, un criterio identitario di primaria importanza per tutta la nobiltÓ, sia di origine libera sia di origine ministeriale. La gerarchia politica principesca assunse anch'essa un'impronta feudale: fu cosý che gli statuti del ducato di Savoia del 1431 posero al primo rango tra gli assoggettati al principe i baroni cavalieri in grado di disporre di almeno 25 vassalli nobili.

Inoltre, dal XIII sec. la feudalitÓ non cess˛ di allargare il suo raggio d'azione. Da un lato, tutte le terre, compresa una parte dei Mansi rurali, vennero considerate come feudi, dal momento che la distinzione tra feudo e allodio venne sostituita da quella tra feudo nobiliare e feudo rurale o contadino. Dall'altro, nuovi protagonisti sociali e politici parteciparono alle istituzioni feudali: fu questo il caso ad esempio delle cittÓ - i cittadini di Lucerna poterono disporre di feudi dal 1227 - o delle Úlite rurali, ben rappresentate nei registri asburgici del 1373-79.

Tuttavia, non si deve pensare alla societÓ del basso ME come a una societÓ esclusivamente feudale. Se Ŕ vero che numerosi studi recenti hanno insistito sull'importanza delle istituzioni feudali-vassallatiche nella costruzione degli Stati regionali, Ŕ altrettanto vero che, in questo processo, il ruolo degli apparati amministrativi o della messa in pegno di determinati territori (ad esempio il sistema asburgico delle garanzie immobiliari) non fu meno decisivo. Inoltre, se i legami feudali hanno innegabilmente accresciuto la loro influenza, in questo processo hanno pure modificato alcune loro caratteristiche originarie; da qui il "feudo senza fedeltÓ" di un documento ginevrino del 1343. Infine, se la nobiltÓ non cess˛ di sottolineare il proprio carattere feudale, il servizio a corte e la fiducia dei principi appaiono al contempo come i mezzi pi¨ sicuri per l'ascesa sociale. In sintesi, dal IX al XV sec. i legami feudali-vassallatici poterono esercitare un ruolo politico, sociale ed economico di primaria importanza senza che per questo sia necessariamente esistita una "societÓ feudale".


Bibliografia
– Sablonier, Adel
– G. P. Marchal, Sempach 1386, 1986
– G. Chittolini, źPrincipe e comunitÓ alpine in area lombarda alla fine del Medioevo╗, in Le Alpi per l'Europa, a cura di E. Martinengo, 1988, 219-235
– G. Castelnuovo, L'aristocrazia del Vaud fino alla conquista sabauda, 1990
– G. Castelnuovo, Ufficiali e gentiluomini, 1994
– J.-F. Poudret, Coutumes et coutumiers, 2 voll., 1998
– B. Andenmatten, La maison de Savoie et la noblesse vaudoise, 2005

Autrice/Autore: Guido Castelnuovo / cor