17/03/2003 | segnalazione | PDF | stampare
No 2

Calandrini, Jean-Louis

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 30.8.1703 Ginevra,morte 29.12.1758 Ginevra, rif., di Ginevra. Figlio di Jean-Louis, pastore, e di Michée Du Pan. Pronipote di Bénédict ( -> 1). ∞ (1729) Renée Lullin, figlia di Jacques. Dopo una tesi in fisica all'Acc. di Ginevra (1722), venne nominato professore di matematica assieme a Gabriel Cramer (1724); invece di accettare l'incarico partì per un viaggio di formazione di tre anni in Francia e in Inghilterra. Professore di filosofia (1734-50), fu membro del Piccolo Consiglio di Ginevra (1750), tesoriere (1752) e syndic (1757). Collaboratore della Bibliothèque italique, C. è conosciuto soprattutto per aver arricchito l'edizione dei Principia di Newton (Ginevra, 1739-42) con un centinaio di glosse, di cui le più sviluppate sono veri e propri capitoli. Fu autore di qualche articolo originale (sull'aurora boreale, su una cometa, sugli effetti del fulmine) e di importanti lavori inediti sulla trigonometria piana e sferica, sulla teoria dei derivati e delle quadrature, sulle serie infinite e sulla logica.


Archivi
– Fondo presso BPUG
Bibliografia
Livre du Recteur, 2, 404
– J. Trembley (a cura di), Les savants genevois dans l'Europe intellectuelle, 1987, 90-93

Autrice/Autore: René Sigrist / pma