No 2

Fleiner, Fritz

nascita 24.1.1867 Aarau, morte 26.10.1937 Ascona, rif., di Aarau. Figlio di Albert ( -> 1) e di Leontine Zschokke. ∞ (1896) Maria Fanny Veith. Dopo studi di diritto a Zurigo, Lipsia, Berlino e Parigi, ottenne il dottorato (1890) e l'abilitazione in diritto ecclesiastico (1892). Libero docente (1892) e professore straordinario di diritto pubblico ed ecclesiastico all'Univ. di Zurigo (1895), nel 1897 fu nominato professore ordinario all'Univ. di Basilea. Nel 1906 fu chiamato a insegnare a Tubinga e nel 1908 a Heidelberg. Brillante oratore, dal 1915 al 1936 fu professore ordinario di diritto pubblico, amministrativo ed ecclesiastico all'Univ. di Zurigo.

F. si occupò in particolare di diritto ecclesiastico, diritto amministrativo e diritto pubblico fed. La sua prima opera importante, le Institutionen des Deutschen Verwaltungsrechts (1911), fu uno sviluppo del cosiddetto metodo giur. inaugurato da Otto Meyer. Opera di grande interesse e largamente diffusa, introdusse la moderna scienza del diritto amministrativo in Svizzera. La sua seconda grande opera, lo Schweizerisches Bundesstaatsrecht (1923), costituì la prima esposizione sistematica del diritto pubblico fed. Conformemente ai suoi principi nazional-liberali e al suo pensiero storico-politico si adoperò soprattutto per la difesa e l'estensione dello Stato di diritto, delle libertà fondamentali e spec. della giurisdizione costituzionale e amministrativa. La sua sensibilità storica gli consentì però anche di cogliere l'importanza della democrazia per lo sviluppo costituzionale del Paese e di sottolinearla nelle sue opere, in particolare nel suo brillante discorso inaugurale sull'origine e l'evoluzione delle moderne teorie dello Stato in Svizzera (1916).


Opere
Ausgewählte Schriften und Reden, 1941
Bibliografia
– Z. Giacometti, Prof. Dr. F. Fleiner, 1867-1937, 1938 (con elenco delle op.)
– A. Im Hof «Zum Andenken an F. Fleiner», in RDS, 1938, 349-357

Autrice/Autore: Alfred Kölz / sgh