Küblis

Com. GR, circ. Küblis, distr. Prättigau/Davos; (1351: ze Cüblins; 1389: Kúblis). Villaggio lungo la strada nella Prettigovia, presso la diramazione per Sankt Antönien, Conters e Fideris/Jenaz (via storica), comprende oltre al villaggio di K. le frazioni di Prada, Tälfsch e Pläviggin. Pop: 455 ab. nel 1850, 416 nel 1900, 716 nel 1950, 830 nel 2000. I signori von Kapfenstein risiedettero in origine nell'omonima fortezza (Ober-Sansch, in rovina dal XV sec.), poi proprietà dei baroni von Vaz (metà del XIII sec.-1338), titolari dell'alta giustizia nella Prettigovia, dove avevano estesi possedimenti; succedettero loro nella Prettigovia interna i conti von Toggenburg (1338-1436), poi i von Montfort e i von Matsch, i cui discendenti si schierarono con l'Austria (1477-1649). Dal 1436 K. fece parte della Lega delle Dieci Giurisdizioni quale vicinanza del com. giurisdizionale di Klosters Ausserschnitz (dal 1851 circ. di K.).

La chiesa di S. Nicolao, menz. per la prima volta nel 1428 come filiale di S. Giovanni di Schiers, fu distrutta da un'alluvione nel 1464 e ricostruita nel 1472. Attorno al 1530 con il passaggio alla Riforma fu costituita una comunità parrocchiale autonoma. L'immigrazione di Walser provenienti da Klosters (dal XIV sec.) portò alla germanizzazione del villaggio, conclusasi verso la metà del XVI sec. K. fu colpito più volte dalle alluvioni (1464, 1762, 1910). Fino al 1920 ca. l'allevamento fu la principale fonte di reddito della pop. Nel XVI sec. fu attiva per un breve periodo una fonderia di ferro. La costruzione della strada di valle della Prettigovia (1843-63) e l'allacciamento alla linea della Ferrovia retica tra Landquart e Davos (1890) rilanciarono l'economia. La costruzione da parte delle Forze motrici grigioni della centrale elettrica di K. (1920-22), fra i principali contribuenti del com., favorì anche l'edilizia, l'artigianato e l'industria (lavorazione del legno e del metallo). Dal decennio 1930-40 fu avviato lo sviluppo turistico della regione del Parsenn. Il villaggio di K. è toccato dal forte traffico sulla strada della Prettigovia, la più frequentata del cant. Nel 2000 quasi due terzi della pop. attiva erano impiegati nel settore terziario.


Bibliografia
Gem. GR
– M. Thöny, Prättigauer Geschichte, 1991

Autrice/Autore: Otto Clavuot / cne