Fideris

Com. GR, circ. Jenaz, distr. Prättigau/Davos; (1370: Fidris; rom. Fadrein). Villaggio a pianta cruciforme, situato sulla vecchia via che univa la Prettigovia e lo Schanfigg. Comprende le frazioni di Strahlegg e di F.-Au. Pop: 460 ab. nel 1850, 369 nel 1870, 363 nel 1900, 524 nel 1950, 586 nel 2000. Reperto isolato dell'età del Bronzo. Nel tardo ME, importanti proprietà terriere appartenevano alla prepositura di S. Giacomo di Klosters (una curtis con 12 masserie) e alla diocesi di Coira. La fortezza di Strahlegg, situata presso l'omonima frazione sulla vecchia strada F.-Küblis, risale alla prima metà del XIII sec. e fu abbandonata nel XV sec. Nel XIV sec. appartenne agli Straiff e in seguito ai conti von Toggenburg (dal 1403). Dipendente dalla signoria di Castels, nel 1436 F. entrò nella Lega delle Dieci Giurisdizioni. La chiesa di S. Gallo, menz. nel 1443, dipese fino alla Riforma (1530 ca.) dalla parrocchia di S. Giovanni di Schiers e venne amministrata da Jenaz fino al 1641. Nel XIV sec. immigrati Walser fondarono l'insediamento di Tarnuz, posto a 1900 m; verso il 1530 l'area risultava interamente germanizzata. Le terme di F., documentate dal 1464 e distrutte da un'alluvione nel 1545, furono ricostruite dal balivo austriaco Peter Finer. Rimaste in funzione fino al 1939, costituirono il più importante centro termale della Prettigovia (240 posti letto nel 1895), poi seppellito da una frana nel 1967. L'agricoltura di sussistenza fu l'attività economica prevalente fino alla metà del XIX sec., quando fu sostituita dall'allevamento. Ancora all'inizio del XXI sec., la grande disponibilità di legname e la presenza di una segheria com. facevano della selvicoltura un rilevante settore economico. La fabbrica di truciolati Fideris AG, fondata nel 1947, ha chiuso i battenti nel 2002. Nel 2000 poco più di un decimo della pop. attiva lavorava nel primario. Altra fonte occupazionale è il turismo invernale nei Fideriser Heubergen, riservati in primavera e autunno alle esercitazioni di tiro dell'esercito. Oggi, nelle belle case borghesi del centro del villaggio, la tradizione turistica delle terme di F. prosegue sotto forma di una raffinata offerta gastronomica.


Bibliografia
MAS GR, 2, 1937, 86-92
– M. Thöny, Prättigauer Geschichte, 1991

Autrice/Autore: Otto Clavuot / ato