Santa Maria Val Müstair

Ex. com. GR, circ. Val Müstair, distr. Inn, dal 2009 parte del com. di Val Müstair con Fuldera, , Müstair, Tschierv e Valchava; (rom. anche: Soncha Maria). Villaggio a pianta cruciforme, situato alla diramazione della strada del passo dell'Umbrail, comprende gli insediamenti d'altura di Craistas, Büglios e Pütschai e la frazione di Sielva con l'ospedale. Pop: 437 ab. nel 1850, 385 nel 1900, 420 nel 1950, 327 nel 2000. Le prime curtes vennero fondate nei sec. centrali del ME grazie al vicino convento di Müstair e all'attività di dissodamento di alcuni uomini liberi. Verso il 1167/70 è menz. la cappella Sancte Mariae in Silvaplana, che ha dato il nome all'odierna frazione di Sielva. Donata nel 1294 al convento di Müstair, la cappella vescovile fu una nota meta di pellegrinaggi. Nel XIII sec. esistettero un piccolo capitolo di canonici e un ospizio. Alla fine del XV sec. S. costituì una parrocchia autonoma. Grazie alla posizione favorevole al bivio per il passo dell'Umbrail e al passaggio verso la valle di Fraele, S. divenne il capoluogo della valle. Durante la battaglia della Calven (1499) e i Torbidi grigionesi (1621-22), il villaggio fu devastato; nel 1630 venne colpito da un'epidemia di peste e nel 1764 fu parzialmente distrutto da un incendio doloso, il cui autore venne giustiziato. Nel 1799-1800 S. subì le conseguenze delle campagne militari austriache e franc. Sul passo dell'Umbrail sono rimaste molte tracce del periodo dell'occupazione delle frontiere (1914-18). La Riforma venne introdotta tra il 1526 e il 1530. La chiesa tardogotica (1492) fu utilizzata a lungo da entrambe le confessioni. Dopo la morte dell'ultima ab. di fede catt. (1837), l'immagine sacra dell'altare venne traslata con una processione solenne nel convento di Müstair. La valle si riscattò dalla temporanea signoria austriaca nel 1762. Il com. fu istituito nel 1854. All'inizio del XXI sec. l'agricoltura aveva ancora un ruolo di rilievo. Ulteriori fonti di reddito erano costituite da alcune attività artigianali (tra cui una tessitura) e da un turismo dolce in prossimità del Parco nazionale e dell'area sciistica estiva sul passo dello Stelvio. Nel 2000 il 70% della pop. era di lingua madre rom.


Bibliografia
– C. Gustin, Santa Maria, [1988]2

Autrice/Autore: Paul Eugen Grimm / mdi