01/10/2013 | segnalazione | PDF | stampare | 

Silvaplana

Com. GR, circ. Alta Engadina, distr. Maloja, situato fra i laghi di Silvaplana e Champfèr (laghi dell'Alta Engadina) alla foce del torrente Ova dal Vallun che scende dal passo dello Julier; (rom.: Silvaplauna). Esteso su 4477 ettari, il territorio com. comprende le frazioni di Surlej e Albana e la parte del villaggio di Champfèr sulla sponda destra del torrente Ova da Suvretta. Pop: 348 ab. nel 1804, 205 nel 1850, 319 nel 1900, 333 nel 1950, 714 nel 1970, 913 nel 2000. Sul passo dello Julier sono stati rinvenuti resti di colonne romane. La chiesa, menz. la prima volta nel 1356, fu ricostruita in stile tardogotico (1491). Nel 1556 venne introdotta la Riforma. La chiesa catt. fu costruita nel 1962. Dall'epoca romana S. è un'importante località di transito sulla strada dello Julier. Nel XIX sec. la strada del passo fu ampliata, si diffuse il turismo e venne aperta la centrale elettrica. Il numero di aziende agricole diminuì drasticamente, passando da 24 nel 1806 a tre nel 2000. Verso il 1960 cominciò un boom edilizio. Oltre ad alberghi (otto alberghi e quattro aparthotel nel 2004), vennero realizzati un parcheggio sotterraneo di 300 posti, una circonvallazione parziale e un impianto di depurazione sotterraneo. S. è divenuta un'apprezzata località per la pratica della vela, del deltaplano e del kitesurf e ospita gare di coppa del mondo di windsurf. Nel 2005 il settore terziario offriva l'80% dei posti di lavoro nel com. Nel 2000 due terzi della pop. parlavano ted. e ca. l'11% rom., lingua sempre meno usata negli ultimi decenni.


Bibliografia
MAS GR, 3, 1940, 413-418
Bündner Zeitung, 27.3.1982; 8.3.1986
Die Südostschweiz, 17.8.2001
– A. Reich, Silvaplana, 2002

Autrice/Autore: Ottavio Clavuot / vwy