09/02/2012 | segnalazione | PDF | stampare

Rhäzüns (comune)

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. GR, circ. R., distr. Imboden; (840 ca.: Raezunne; rom.: Razén). Villaggio lungo la strada situato nella pianura tra Bonaduz e la chiusa valliva della Domigliasca. Pop: 508 ab. nel 1850, 495 nel 1900, 774 nel 1950, 1201 nel 2000.

La storia di R. è strettamente legata a quella dell'omonima signoria. Nel X sec. formava con Bonaduz un unico distr. fortificato, in cui si trovava una chiesa (molto probabilmente dedicata a S. Giorgio). Nel basso e tardo ME integrato nella signoria dei baroni von R., dal 1424 in qualità di com. giurisdizionale fece parte, con Bonaduz, Ems e Felsberg, della Lega Grigia. Dopo l'estinzione del casato dei von R. nel 1458, questa signoria ristretta passò ai conti von Zollern e in seguito a Massimiliano I d'Austria (1497). Nel XVI sec. venne conclusa la separazione dei boschi, dei pascoli e degli alpeggi tra R. e Bonaduz. All'epoca della Riforma R. rimase fedele al cattolicesimo. La chiesa di S. Giorgio (rom. San Gieri) fu probabilmente l'antica chiesa parrocchiale di R. e Bonaduz. Sul piano archeologico la costruzione più antica viene fatta risalire al VI/VII sec. Nel secondo quarto del XIV sec. fu ricostruito il coro, in seguito l'interno della chiesa venne interamente dipinto in due fasi; committenti vanno considerati i baroni von R. Sono di un primo artista le decorazioni del coro e della parete orientale (con la leggenda di S. Giorgio) nonché la lotta con il drago e l'immagine dei donatori lungo il lato settentrionale. Di un secondo artista risultano invece essere il resto della parete settentrionale, la parete occidentale e quella meridionale (scene dell'Antico e del Nuovo Testamento, vite di santi). La chiesa barocca, dedicata alla Natività di Maria e consacrata nel 1701 divenne parrocchiale al posto di S. Paolo solo nel 1777. Nel 1819, in seguito a una risoluzione del congresso di Vienna, la signoria di R. venne attribuita al cant. Grigioni. Il villaggio, in passato un importante crocevia sulla strada di transito verso sud (Reichenau), perse il suo aspetto originario attorno al 1900 poiché distrutto da diversi incendi. Dal 1850 viene sfruttata la nota fonte di acqua minerale. Nel 2000 il 67% della pop. attiva lavorava fuori com., spec. a Coira, Bonaduz e Domat/Ems (Ems-Chemie AG). Nel 2000 il 10% degli ab. era di lingua rom.


Bibliografia
MAS GR, 3, 1940, 42-78
– AA. VV., Vorromanische Kirchenbauten, 1966-1971 (19902), 269 sg.

Autrice/Autore: Linus Bühler / vfe