01/04/2014 | segnalazione | PDF | stampare

Tenna

Ex com. GR, circ. Safien, distr. Surselva (fino al 2000 distr. Glenner); dal 2013 parte del com. di Safiental con Safien, Valendas e Versam; (1398: Thena). Località germanofona sul versante occidentale della val Safien, comprende le frazioni di Ausserberg, Mitte, Innerberg e più in basso, sulla strada di valle, Acla e Egschi. Pop: 157 ab. nel 1803, 162 nel 1850, 130 nel 1900, 141 nel 1950, 79 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti isolati dell'età del Bronzo. Antico alpeggio di Valendas, T. fu colonizzato da Walser germanofoni nella seconda metà del XIV sec., probabilmente su iniziativa dei von Werdenberg, che detennero la sovranità territoriale fino al 1383. In veste di signori fondiari, questi ultimi vendettero l'alpe genant auff Thena ai coloni locali (1398). La cappellania di S. Valentino dipese da Valendas, da cui si separò con la Riforma (1523). La signoria di Rhäzüns (austriaca dal 1497) possedette i diritti signorili dal 1383 al 1819. Fino al 1851 T. formò un com. giurisdizionale autonomo all'interno del Comun grande della Foppa. L'allevamento e la campicoltura rappresentavano le più importanti fonti di reddito. Nel 1885 venne realizzato l'accesso carrozzabile alla strada lungo la val Safien. Fino alla prima guerra mondiale T. costituì una modesta stazione climatica.


Bibliografia
MAS GR, 4, 1942, 139-142
Gem. GR

Autrice/Autore: Jürg Simonett / sma