Paspels

Ex comune GR, circolo Domigliasca, distretto Hinterrhein, dal 2015 forma con Almens, Pratval, Rodels e Tomils il comune di Domleschg; (1237: in villa Pascuals, secondo una copia del documento originale; 1246: de Pascuals; rom.: Pasqual). Villaggio agglomerato lungo la strada su un terrazzo del versante destro della valle del Reno posteriore, comprendente le frazioni di Dusch e Canova. Pop: 245 ab. nel 1808, 323 nel 1850, 302 nel 1900, 350 nel 1950, 286 nel 1960, 409 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti neolitici e dell'epoca romana. La fortezza di Alt-Süns, nel XIII sec. centro dei possedimenti dei baroni von Vaz nella Domigliasca, e la fortezza di Canova (Neu-Sins) furono distrutte nel 1451 durante la faida dello Schams. I diritti signorili furono riscattati nel 1527. La chiesa fortificata di S. Lorenzo, menz. nel 1237 e risalente all'alto Medioevo, era la chiesa matrice del versante destro della valle; la chiesa del villaggio, dedicata a S. Giovanni Battista, risale al 1662. Solo Dusch aderì alla fine del XVI sec. alla Riforma; nel 1508 la locale cappella catt. di S. Maria Maddalena era di proprietà del convento di Churwalden. Nel 1695 ca. Johann Viktor von Travers fece costruire il castello di P. Fino al 1851 la vicinanza di P. appartenne al com. giurisdizionale di Ortenstein im Boden. La strada carrozzabile risale al 1896-97. L'economia di P. è basata soprattutto sull'allevamento, la campicoltura e in misura minore sulla frutticoltura e la viticoltura. Alla fine del XX sec. la sua posizione tranquilla e soleggiata ha fortemente incrementato l'attività edilizia. Nel 2000 il 3,7% della pop. era ancora di lingua madre rom.


Bibliografia
MAS GR, 3, 1940, 102-117
Gem. GR

Autrice/Autore: Jürg Simonett / cne