Feldis/Veulden

Ex comune GR, circolo Domigliasca, distretto Hinterrhein, dal 2009 al 2014 form˛ con Scheid, Trans e Tumegl/Tomils il comune di Tomils, integrato nel 2015 nel comune di Domleschg; (1290/98: Felden). Villaggio compatto posto su un terrazzo a 1469 m, sul versante orientale della valle del Reno posteriore. Pop: 156 ab. nel 1803, 164 nel 1850, 130 nel 1900, 176 nel 1950, 107 nel 1980, 129 nel 2000. Ritrovamento di monete romane. Una proprietÓ vescovile Ŕ menz. alla fine del XIII sec., mentre nel XIV sec. la decima era percepita dai von Rietberg, i cui diritti signorili furono riscattati nel 1527. Secondo Robert von Planta, il toponimo rom. Veulden deriv˛ da Ippolito, santo a cui Ŕ dedicata la chiesa, menz. intorno al 1400; F. pass˛ alla Riforma nel 1583. Come altri com. della Domigliasca esterna, F. delimit˛ il proprio territorio nel 1596. Vicinanza del com. giurisdizionale di Ortenstein fino al 1851, con Trans e Scheid form˛ dal 1788 la semigiurisdizione di im Berg. Distrutto quasi interamente da un incendio (1774), il villaggio si orient˛ fino al XIX sec. verso la regione di Coira (Domat/Ems). L'allevamento e l'agricoltura furono le attivitÓ economiche prevalenti fino al XX sec. La carrozzabile della Domigliasca, costruita tra il 1901 e il 1904, favorý un modesto turismo estivo e nel 1958 fu inaugurata la funivia RhńzŘns-F. Nel 1986 si contavano 475 posti-letto, di cui il 69% in residenze secondarie. Nel 2000 il terziario offriva pi¨ della metÓ dei posti di lavoro; la pop. di lingua rom. era scesa al 14%.


Bibliografia
MAS GR, 3, 1940, 94-97
Beitrńge zur Geschichte von Feldis-Veulden, 1960 (19733)

Autrice/Autore: JŘrg Simonett / vfe