05/01/2015 | segnalazione | PDF | stampare | 

Vella

Ex com. GR, circ. Lumnezia, distr. Surselva, che dal 2013 forma, con Cumbel, Degen, Lumbrein, Morissen, Suraua, Vignogn e Vrin, il nuovo com. di Lumnezia; (ca. 840: ad sanctum Vincentium [...] in valle Leguntia; 1290-98: ad Ville, aput Villam; ted.: Villa, fino al 1987 denominazione ufficiale). Posto su un terrazzo nella media Lumnezia, comprende il villaggio omonimo e la sottostante chiesa di S. Vincenzo, a Pleif, con la casa parrocchiale e del sagrestano. Pop: 199 ab. nel 1808, 301 nel 1835, 229 nel 1850, 272 nel 1900, 418 nel 1950, 441 nel 2000.

Sono stati rinvenuti resti di un insediamento del Bronzo finale a Pleif e monete del periodo a cavallo tra il III e il IV sec. La chiesa parrocchiale (un edificio romanico-gotico ristrutturato nel 1661-62), menz. la prima volta verso l'843 accanto a una curtis regia, doveva essere feudo imperiale. Più tardi passò nelle mani dei guelfi poi, verso la metà del X sec., al capitolo cattedrale di Costanza. Nel 1204 i diritti di patronato spettavano al preposito di quest'ultimo. Nel XIV sec. la chiesa, dedicata a S. Vincenzo, divenne proprietà dei von Belmont, nel 1371 passò per via ereditaria ai de Sacco-Mesocco e nel 1483 al vescovo di Coira. Essa era il centro di un'estesa parrocchia di valle, comprendente tutta l'area del futuro Comun grande di Lumnezia. Verso il 1300, in seguito all'accresciuta immigrazione walser, Vals si staccò dalla grande parrocchia, il cui frazionamento si era già avviato in precedenza con la separazione della piccola parrocchia di S. Maria di Degen/Fraissen, e proseguì poi con l'autonomia di Lumbrein (tra il 1345 e il 1442), Duvin (1526), Surcasti con Tersnaus e Camuns (1528), Vrin (1597), Surcuolm (1643), Cumbel (1653), Vignogn (1697), Degen con Rumein e Vattiz (1891), Morissen (1907) e Peiden (1910). Verso la fine del XIII sec. parecchie corti (Meierhöfe) appartenevano alla diocesi di Coira. Grazie alla funzione di centro regionale esercitata dalla chiesa e all'influsso dei de Mont (fam. patrizia del ceto dirigente della Lumnezia e della Lega Grigia nel XV-XIX sec.), V. assurse a capoluogo della valle, in cui si riuniscono il tribunale di circ. e, a rotazione con altre località, la Landsgemeinde. Dal 1887 il com. ospita una scuola secondaria di circ. L'inaugurazione degli impianti di risalita Bergbahnen Val Lumnezia AG (1970) favorì la creazione di alloggi per il turismo, spec. invernale. Dal 1980 i settori secondario (edilizia) e terziario (turismo) si rafforzarono a scapito della tradizionale attività agricola. Dal 1977 al 2007 fu attuata una ricomposizione parcellare. Nel 2000 l'84% della pop. parlava rom.


Bibliografia
– H. Maurer, «Die Kirche St. Vincentius in Pleif und das Schicksal karolingischen Reichsgutes im Lugnez und am Vorderrhein», in Churrätisches und st. gallisches Mittelalter, 1984, 53-66
Gem. GR
– G. Caduff, Pleif, 1991

Autrice/Autore: Ursus Brunold / ato