01/04/2014 | segnalazione | PDF | stampare

Tersnaus

Ex com. GR, circ. Lumnezia, distr. Surselva (fino al 2000 distr. Glenner), che dal 2002 al 2012 con Camuns, Surcasti e Uors-Peiden ha formato il com. di Suraua e con quest' ultimo nel 2013 Ŕ stato integrato nel nuovo com. di Lumnezia. Situato all' imbocco della valle di Vals; (1362: Terzenaus). Pop: (con Sankt Martin) 228 ab. nel 1850; (senza Sankt Martin) 60 nel 1900, 129 nel 1950, 66 nel 1980, 70 nel 2000. Pietre cuppelliformi vennero rinvenute nei pressi della chiesa. Il com. fu colonizzato da pop. rom. dall'XI sec. Feudo del vescovo di Coira, dal 1368 fu soggetto ai signori von T. e von Valendas, nel XV sec. ai de Sacco-Mesocco. Dal 1538 T. form˛ una vicinanza con Uors, Camuns e Duvin. Dal 1395 immigrarono dei Walser, a cui nel 1457 venne vietato di acquistare terreni e contrarre matrimonio a T. La chiesa catt. dei SS. Apollinare e Maria Maddalena, menz. la prima volta nel 1345, dipese dalla chiesa di S. Vincenzo a Pleif (com. Vella) fino al 1528. In seguito fece capo, insieme a Camuns, alla parrocchia di Surcasti, prima di divenire autonoma nel 1669. Tipico villaggio di agricoltori di montagna, dopo l'incendio del 1900 venne ricostruito secondo una planimetria a scacchiera. Dal 1973 T. non dispone pi¨ di una propria scuola. Dagli anni 1970-80 forma una comunitÓ culturale con Suraua. Il villaggio Ŕ privo delle infrastrutture basilari, ci˛ che determina uno spopolamento. T. vive in gran parte della vendita di legname e dei canoni per i diritti d'acqua. Il completamento della ricomposizione parcellare risale al 1998. Nel 2000 il 74% della pop. era di lingua madre rom.


Bibliografia
MAS GR, 4, 1942, 215-219
Gem. GR

Autrice/Autore: Adolf Collenberg / vfe