09/02/2009 | segnalazione | PDF | stampare | 

Duvin

Com. GR, circ. Lumnezia, distr. Surselva; (840 ca.: Auna; 1290: Aiuns). Insediamento disposto su terrazzi sul versante destro della Lumnezia, tra vallette profonde che lo separano da Camuns e Pitasch. Pop: 105 ab. nel 1850, 82 nel 1900, 126 nel 1950, 80 nel 1990, 80 nel 2000. Sono state rinvenute tombe a lastre precristiane a nord del villaggio. Menz. come insediamento (villa) attorno all'840, nel 1290 ca. D. comprendeva due feudi del vescovo di Coira; prima del 1371 fu baliaggio dei baroni von Belmont, dal 1390 dei conti de Sacco-Mesocco. Nel 1538, riscattati i diritti vescovili, D. form˛ una vicinanza con Uors e Tersnaus; grazie a questo vincolo, nel 1851 fu il solo com. rif. ammesso al circ. della Lumnezia e da allora Ŕ sempre stato rappresentato da un proprio giurato nel tribunale di circ. Nel 1345 la chiesa di S. Maria costituiva una cappellania di S. Vincenzo a Pleif (com. Vella). La separazione avvenne solo dopo la Riforma (1526); dal 1882 D. costituisce una parrocchia assieme a Riein e a Pitasch. Villaggio rom. di contadini di montagna, D. possiede boschi, prati, pascoli e alpeggi a sufficienza, ma Ŕ privo di artigianato e turismo. Una risistemazione complessiva del villaggio, iniziata nel 1989 e terminata nel 2008, ha comportato una ricomposizione parcellare e la sistemazione delle strade d'accesso, forestali e verso gli alpi. L'emigrazione ha potuto essere fermata e la scuola elementare, temporaneamente chiusa, Ŕ di nuovo in funzione dal 1989.


Bibliografia
– E. Camenisch, BŘndnerische Reformationsgeschichte, 1920
MAS GR, 4, 1942, 153 sg.
Gem. GR

Autrice/Autore: Adolf Collenberg / vfe