No 1

Bonet, Théophile

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 6.3.1620 Ginevra, morte 29.3.1689 Ginevra, rif., di Ginevra. Figlio di André, medico. ∞ (1652) Jeanne, figlia di Friedrich Spanheim. B., di cui si ignora l'iter di studi, divenne dottore in medicina forse nel 1643. Praticò dapprima a Ginevra, poi, dal 1656, a Neuchâtel, dove fu medico della città e creò un nuovo ordinamento sull'esercizio della medicina (1657). L'ostilità di alcuni ab. di Neuchâtel lo indusse a tornare a Ginevra nel 1666. Divenuto sordo intorno al 1670, si concentrò sulla pubblicazione di testi scientifici. Nel 1679 apparve la sua opera più importante: Sepulchretum sive Anatomia practica (Sepolcreto o anatomia pratica), considerato un testo fondamentale per lo sviluppo dell'anatomia patologica. In questa pubblicazione B., convinto che la dissezione potesse svelare le cause delle malattie, raccolse e presentò in modo sistematico 2934 osservazioni di 470 autori.


Bibliografia
– H. Buess, «T. Bonet, 1620-1689 und die grundsätzliche Bedeutung seines "Sepulchretum" in der Geschichte der pathologischen Anatomie», in Gesnerus, 8, 1951, 32-52

Autrice/Autore: Huldrych M.F. Koelbing / ato